Pubblicato il

Riconosciuto lo stato di calamità naturale

Riconosciuto lo stato di calamità naturale

Il ministro Martina decreta l’accoglimento della declaratoria richiesta dalla Regione Lazio. Le aziende colpite dalla tromba d’aria saranno risarcite

CERVETERI – Il 20 febbraio il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali emette il Decreto di declaratoria eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei territori della Regione Lazio il 6/11/2016, e questo a neanche un mese dalla richiesta dell’assessore regionale  all’agricoltura  Hausmann. Come avevamo già ampiamente riportato. Hausmann, spiegò che la richiesta di declaratoria al ministero competente, era un passaggio obbligato affinché le aziende agricole danneggiate possano  presentare ai servizi regionali dell’area decentrata all’agricoltura della Regione Lazio, istanza di rimborso. Il Ministero ha quindi riconosciuto lo stato di calamità naturale innescando quindi il detto meccanismo di rimborso. I rimborsi avverranno sulla quantificazione fatta dalla Regione nel perimetro interessato dal fenomeno calamitoso a quelle aziende agricole danneggiate che rientrano negli standard di condizioni richiesti. Non vengono per esempio  ammessi al rimborso i danni relativi alla produzione, in quanto in teoria sarebbero assicurabili, anche se sono la maggior parte i produttori che non lo fanno. Si rimborsano i danni subiti sulle strutture produttive, quali serre, stalle, attrezzi agricoli,  a patto che ciascun produttore possa dimostrare di aver subito un danno superiore al trenta per cento del suo potenziale produttivo, come una sorte di franchigia. La Regione raccoglie tutte le domande e chiede quindi il trasferimento dei fondi necessari al Ministero delle Politiche agricole.  Appena il decreto ministeriale sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica, per oltre le venti aziende agricole interessate perché colpite dall’evento disastroso, ubicate sul territorio di Cerveteri, metaforicamente, verrà il bel tempo.

ULTIME NEWS