Pubblicato il

"Bad doctor", si attendono le decisioni del giudice

"Bad doctor", si attendono le decisioni del giudice

Dopo la prima tranche di interrogatori svoltasi ieri tra carcere e tribunale, il gip Bartolozzi è chiamata a decidere se accogliere o meno le richieste degli avvocati difensori dei professionisti coinvolti nell'inchiesta 

CIVITAVECCHIA – C’è attesa per la decisione del giudice Giusi Bartolozzi – la stessa che ha firmato le ordinanze eseguite venerdì scorso dai carabinieri nell’ambito dell’inchiesta “Bad doctor” – che dovrà scegliere se accogliere o meno le richieste degli avvocati difensori dei primi cinque indagati ascoltati ieri tra carcere e tribunale. Davanti al gip si sono presentati i due medici Gino Saladini e Giuseppe Di Iorio, entrambi a Borgata Aurelia: e per entrambi i legali difensori hanno chiesto la revoca della misura cautelare o, in subordine, una modifica di quella attuale. I due professionisti hanno risposto per oltre cinque ore complessive a tutte le domande del giudice, fornendo la propria versione dei fatti e chiarendo le proprie posizioni. Tutti hanno contestato soprattutto la presenza del vincolo associativo ipotizzato dagli inquirenti. 

Stessa cosa hanno fatto nel pomeriggio gli altri tre indagati sottoposti ad interrogatorio: si tratta dei due avvocati Roberto Abbruzzese e Massimiliano Monti (solo quest’ultimo si è avvalso della facoltà di non rispondere) ed il medico Francesco Meloni. 

I carabinieri, coordinati dalla Procura, avrebbero scoperto una vera e propria associazione a delinquere finalizzata alla truffa, a reati di falso di vario genere commessi da privati e pubblici ufficiali e di sostituzione di persona. Nel mirino 21 incidenti stradali considerati falsi dagli inquirenti, realizzati ad arte per truffare le compagnie assicurative.  

ULTIME NEWS