Pubblicato il

Emodialisi, l'Asl: nessun ritardo o disservizio

Emodialisi, l'Asl: nessun ritardo o disservizio

La direzione aziendale risponde alle dichiarazioni del sindaco pentastellato Antonio Cozzolino dei giorni scorsi

CIVITAVECCHIA – “Nessun ritardo o disservizio”. È la risposta della direzione aziendale dell’Asl Roma 4 alle dichiarazioni di Cozzolino in merito al servizio di emodialisi dell’ospedale San Paolo.

È il direttore responsabile della dialisi aziendale, Moreno Malaguti, che risponde: “Non vi sono, allo stato, situazioni di criticità che possono compromettere l’assistenza ai pazienti”.

Per la mobilità passiva, invece, Malaguti spiega che sono sei i pazienti del distretto F1 che effettuano dialisi presso il centro Diaverum di Ladispoli.

“Il centro dialisi del San Paolo è in fase di ristrutturazione – prosegue – ma è stata organizzata una turnistica che permette di soddisfare le esigenze dei pazienti in trattamento, senza inviarli ad altri centri. Il contenimento della mobilità passiva è stato realizzato anche tramite l’istituzione di un’innovativa sezione di dialisi peritoneale domiciliare che ha in carico nove pazienti.  Inoltre – conclude Malaguti – è prevista la realizzazione di una moderna piastra di nefrologia e dialisi, che sarà realizzata non appena  non appena verranno stanziati  fondi dai parte dei ministeri competenti”.

Per quanto riguarda il centro dialisi della casa di cura Siligato i rispettivi uffici prevenzione e accreditamento aziendali chiariscono che l’istruttoria autorizzativa è iniziata l’8 giugno 2016. Sono state effettuate le verifiche e richiesto la documentazione integrativa per i pareri conclusivi. Gli esiti sono stati inviati in Regione all’inizio di novembre 2016.

Inoltre, dall’Asl spiegano che nei centri di dialisi aziendale sono in corso dei miglioramenti per migliorare il confort dei pazienti durante la terapia dialitica.  

ULTIME NEWS