Pubblicato il

''Ripopolamento ittico, da un anno la competenza non è più di Città Metropolitana''

''Ripopolamento ittico, da un anno la competenza non è più di Città Metropolitana''

 Secca replica alla protesta dei pescatori di Tolfa e Allumiere

ALLUMIERE – Dopo la denuncia dei pescatori di Tolfa e Allumiere che protestavano per il mancato ripopolamento ittico, arriva la risposta da Città Metropolitana: «In primo luogo – si legge in una nota – occorre evidenziare che alcun disagio può essere attribuito al passaggio istituzionale avvenuto tra la Provincia di Roma e la Città metropolitana di Roma Capitale, peraltro intervenuto già a far data dal 1 gennaio 2015, infatti, come noto, dal 3 marzo 2016 per effetto dell’art. 7 della Legge Regionale 17 del 2015 le competenze in materia di caccia e pesca, unitamente al personale, sono state trasferite dalla Città metropolitana alla Regione Lazio, Direzione regionale Agricoltura e sviluppo rurale, caccia e pesca che, pertanto, è la struttura competente nella materia e al ripopolamento ittico. Con fattivo spirito di collaborazione, per consentire la prosecuzione delle attività evitando ogni disagio e tutelando i diritti degli utenti, la Città Metropolitana ha reso disponibili al personale della Regione Lazio, fin dalla data del subentro e senza alcuna interruzione, gli incubatoi ittici di Anguillara Sabazia e di Jenne destinati proprio all’allevamento ittico a fini di ripopolamento. Sempre nell’ambito della collaborazione istituzionale ha autorizzato l’uso dei beni mobili strumentali allo svolgimento delle funzioni, provvedendo, tra l’altro, ad anticipare le spese amministrative, per le utenze elettriche e i mangimi (al momento oltre 32mila), indispensabili per il compiuto funzionamento delle strutture». (Rom. Mos.)

ULTIME NEWS