Pubblicato il

Frontale a Cerveteri: una delle due vittime è Guenda Bernardini

Frontale a Cerveteri: una delle due vittime è Guenda Bernardini

La giovane, romana, residente ad Aranova dove lavorava presso il Gran Caffè, era fidanzata con Luca Dionisio, portiere della squadra di calcio dilettantistica DM84 Cerveteri. Un collega la ricorda così: «Era adorabile, bellissima e sempre col sorriso»  

di GIULIANA OLZAI 

CERVETERI – Uno scontro frontale, quello avvenuto questa notte a Cerveteri che non ha lasciato scampo ai due giovani coinvolti. Guenda Bernardini, romana di 27 anni residente ad Aranova, a meno di un chilometro da Cerveteri, sulla via Settevene Palo, su un rettilineo all’altezza del supermercato Pam, alla guida di una Citroen C1, si scontra frontalmente con una Peugeot 208, condotta da Rafal Marcin Zarazinski, 39enne  di nazionalità Polacca, che proveniva in direzione opposta. Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che il giovane abbia invaso la carreggiata opposta centrando in pieno l’auto sulla quale viaggiava la ragazza. Uno schianto terribile e purtroppo fatale per entrambi. Probabilmente complice  la pioggia e il maltempo di ieri se l’asfalto al momento dell’impatto era anche viscido.

Un viaggiatore sopraggiunto subito dopo, costretto a fermarsi racconta di uno scenario tragico e sconvolgente. Racconta del tentativo dei Vigili del fuoco della vicina Caserma di Cerenova, subito intervenuti e che hanno contribuito ad estrarre i corpi dalle lamiere, di rianimare Guenda  e anche dell’opera continuata dai sanitari del 118, anche essi nel mentre sopraggiunti, che hanno insistito col massaggio cardiaco per più di venti minuti e poi forse arresisi all’evidenza, la hanno caricata sull’ambulanza e portata via. L’uomo invece, non dava nessun segno di vita. I Carabinieri della caserma di Campo di Mare e gli agenti del Nucleo operativo sempre dell’Arma hanno effettuato i rilievi per accertare la dinamica dell’incidente le cui verifiche sono ancora in corso e delle quali verrà  informato il magistrato. Intanto le salme sono state restituite ai familiari non avendo rilevato elementi ostativi.

Guenda Bernardini aveva un legame molto stretto con Cerveteri. Era la fidanzata di Luca Dionisio portiere della DM84 Cerveteri, la squadra di calcio dilettantistica che gioca in seconda categoria, nata e voluta in memoria di Daniele Mataloni, scomparso prematuramente  in un tragico incidente d’auto, da suo padre Piero, attuale presidente. Ieri sera, Guenda era a Cerveteri col suo fidanzato e coi suoi amici, molti della squadra,  quando verso le ventuno e trenta lascia la compagnia perché l’indomani si sarebbe dovuta alzare presto per prendere lavoro al Gran Caffè di Aranova, il bar dove lavorava.  Ma il destino ha voluto diversamente. Il fidanzato di Guenda e gli amici che stavano con lei, si sono recati sul luogo appena appresa la notizia e portata via la salma, si sono riuniti in un bar al centro storico del paese, l’unico che rimane aperto fino a notte fonda cercando nel restare uniti conforto all’immenso dolore, consolati anche dal proprietario sempre molto vicino al mondo del calcio nonché anche dirigente sportivo. Di Guenda ci ha parlato con le lacrime agli occhi Valter Latini, suo collega al Gran Caffè di Aranova. «Lavorava qui da quasi tre anni. Il nostro rapporto era come quello di un fratello maggiore con una sorella più piccola. Era una ragazza adorabile, sempre col sorriso in bocca ed era bellissima. Si può dire che io le ho insegnato il lavoro, sono trenta anni che lavoro qui. Lei era alla sua prima esperienza nel settore – piange – me la sono cresciuta». 

ULTIME NEWS