Pubblicato il

Matrimoni in spiaggia, al via la procedura

LADISPOLI – I luoghi di Ladispoli dove potersi sposare o dove celebrare un’unione civile potrebbero presto moltiplicarsi. 
Questa mattina, infatti, è stato emesso un avviso pubblico rivolto ai concessionari di spiagge demaniali, strutture con accesso al mare o vista mare ed edifici che siano di pregio storico, architettonico e turistico, con caratteristiche di particolare decoro, presenti sul litorale, i proprietari di castelli, parchi, spazi aperti, luoghi di pregio storico-ambientale ed agriturismi.
Chi è interessato potrà concedere in comodato gratuito per la durata di anni 3 una porzione della propria struttura per la celebrazione di matrimoni e unioni civili. 
Lo aveva annunciato il sindaco Paliotta dopo che, a gennaio, il Consiglio comunale aveva approvato la delibera di integrazione del regolamento per la celebrazione dei matrimoni e delle unioni civili nella quale, oltre all’aula matrimoni di piazza Falcone, venivano “individuati quali luoghi pubblici idonei alla celebrazione” il piazzale delle Muse a ridosso della villa romana di Pompeo a Marina di San Nicola, la Passeggiata dei Tramonti sul lungomare Marina di Palo (all’altezza dell’intersezione con via dei Delfini) e la spiaggia antistante Torre Flavia.
Lo spazio del tratto di spiaggia o dello spazio aperto o porzione di edificio nel quale si dovrà svolgere la cerimonia, sarà destinato per il tempo necessario, non inferiore ad un’ora, esclusivamente all’attività amministrativa che sottende il rito e dunque sottratto alla fruizione da parte di altri soggetti.

ULTIME NEWS