Pubblicato il

Tidei: "Nuovo tentativo di scalata al Pd, fallito"

Tidei: "Nuovo tentativo di scalata al Pd, fallito"

L'ex sindaco: "Qualcuno dall'esterno pensava di andarsi a comprare un supermercato, ma non c'è riuscito" - VIDEO

CIVITAVECCHIA – “Il Pd non è un supermercato, che si può acquistare su piazza. Qualcuno dall’esterno pensava di andarsi a comprare un pezzo di Conad – dichiara l’ex sindaco – e un pezzo di Conad, secondo me, questa volta non se l’è comprato”. È l’accusa che Pietro Tidei lancia a proposito della strana corsa al tesseramento che si è registrata al Pd nell’ultimo giorno disponibile, con circa 300 tessere sottoscritte in piena “zona Cesarini”. Tidei ha rilasciato queste dichiarazioni nel corso di una trasmissione che andrà in onda questa sera alle 21.15 su Trc, aggiungendo: “Il fronte del porto si è riciclato. C’era pure chi controllava, pur non essendo iscritto al partito, sostenendo di volersi contare, non si capisce in base a quale principio. Ci hanno provato e dispiace che qualche giovane sprovveduto o forse troppo furbo abbia accettato un intervento esterno, nocivo e immorale. Chi pensa di fare un’opa dall’esterno deve capire che non è possibile. L’assalto è fallito e invito tutti a tornare con i piedi in terra ed a confrontarsi serenamente”.

Nelle parole di Tidei si intravede anche un riferimento, neppure troppo velato, sul possibile “regista” dell’operazione, che a livello locale potrebbe essere individuato in un imprenditore civitavecchiese. Resta da vedere, visto che in chiave nazionale il blitz sarebbe da ricondurre interamente nel campo renziano, se ci siano anche dei referenti politici a livello romano che possano aver se non condotto quantomeno “benedetto” l’operazione stessa.

VIDEO

ULTIME NEWS