Pubblicato il

''Subito la riqualificazione di S. Giorgio''

''Subito la riqualificazione di S. Giorgio''

AMMINISTRATIVE. Il candidato sindaco dei MoRi, Renato Bacciardi, lancia la campagna #iostoconte «Otterremo tre risultati: risposta ai proprietari, rilancio dell’edilizia e posti di lavoro»

TARQUINIA – Tutti al mare. Foto, passeggiate, sfondi più o meno suggestivi. Di tutto e di più. I candidati sindaco scelgono il mare per presentarsi ai lettori, come se fosse un argomento – oltre che uno sfondo -, di garanzia e affidabilità. Dimenticano però che proprio quella stessa porzione di territorio è stata, invece, negli ultimi dieci anni quasi del tutto dimenticata dall’amministrazione comunale.

Così, dopo i volantini di Anselmo Ranucci, candidato sindaco del Pd, che in maglioncino sceglie come sfondo il mare, arriva il video di Renato Bacciardi, candidato sindaco dei Mo.Ri. e vicesindaco con delega al Lido e all’Urbanistica, fino a pochi mesi fa, che ora si fa ritrarre in una passeggiata liberatoria sulla spiaggia, in maniche di camicia e maglioncino sulle spalle, per rilanciare così la propria campagna elettorale con l’astag #stocontarquinia #stoconte e per poi annunciare di voler ripartire da San Giorgio.

«C’è un’area del territorio tarquiniese a cui tengo particolarmente – spiega il Moro – ed è da lì che voglio partire nel presentare il nostro progetto per il territorio: parlo di San Giorgio. Da lì può e deve cominciare, secondo noi, il rilancio occupazionale e economico di Tarquinia».

Bacciardi tuttavia si dimentica di spiegare perché ciò non sia già avvenuto, annunciando invece di averci lavorato da assessore all’Urbanistica e di sapere che i soldi ci sono.

Scendendo sul campo dei programmi e delle proposte concrete, Bacciardi quindi spiega: «San Giorgio è una località abbandonata a se stessa da cinquant’anni – dice Bacciardi – dove nel tempo sono sorte varie comunità di edilizia spontanea. Un’area di cui vogliamo riappropriarci e che vogliamo riqualificare. E possiamo farlo dando una risposta in tempi rapidi, tramite un piano pubblico nel rispetto dei caratteri di pregio di quel territorio».

«Così facendo – prosegue il candidato sindaco dei Moderati e Riformisti – otterremo tre risultati: innanzitutto, daremo una risposta certa ai proprietari, che potranno costruire la propria casa senza creare o subire speculazioni edilizie. Inoltre, rimetteremo in moto l’edilizia e tutto ciò che comporta come indotto, riattivando un motore trascinante dell’economia cittadina. Infine, creeremo posti di lavoro grazie alla realizzazione delle opere, da quelle di urbanizzazione agli immobili, generando finalmente reddito per le persone che lavorano».

«Ho lavorato su questo progetto nei miei anni da assessore all’Urbanistica, – quindi assicura Renato Bacciardi – per cui so come il Comune sia già in possesso delle risorse economiche per poter attivare questa molla di sviluppo del territorio. Incaricando, tra l’altro, professionisti locali, che possano lavorare di concerto con l’amministrazione pubblica, a partire dall’ufficio urbanistica comunale».

ULTIME NEWS