Pubblicato il

Tidei: "Dehors, navigazione a vista dei cinque stelle"

Tidei: "Dehors, navigazione a vista dei cinque stelle"

L'ex sindaco critica aspramente l'amministrazione comunale. "Si è infilata nell'ennesimo buco nero: procedura semplificata non applicata e commercianti ancora penalizzati". CNA RISPONDE A CONFCOMMERCIO ED INVITA ALLA COLLABORAZIONE - VIDEO

CIVITAVECCHIA – Dura critica dell’ex sindaco Pietro Tidei all’amministrazione comunale e all’assessore all’Urbanistica Alessandro Ceccarelli sull’annosa vicenda dehors. “La navigazione a vista, l’assoluto scollamento con le categorie dei commercianti – ha spiegato – sommati ad una incapacità risolutiva, fanno sì che questo assessore “marziano” si sia ficcato nell’ennesimo buco nero che caratterizza questa Giunta a 5 stelle, artefice nel più assoluto nulla amministrativo. E pensare che molti altri comuni, non solo nel Lazio, già applicano le semplificazioni dei procedimenti paesaggistici ed edilizi per opere di facile rimozione a carattere stagionale. Laddove per 120 giorni non serve alcuna autorizzazione paesaggistica e dove basta una semplice comunicazione corredata da documenti di legge, per istallare un dehors di qualsiasi forma e dimensione, purché su di un suolo pubblico in regolare concessione ed in conformità con le norme regionali e ministeriali”. 

Una procedura semplificata che, come ricorda Tidei, a Civitavecchia non viene applicata, “con conseguente penalizzazione di una categoria come quella dei commercianti che – ha aggiunto – per l’ennesima stagione si vedono costretti ad improvvisati ombrelloni e sparuti tavoli che limitano l’attività. Ma soprattutto con l’approssimarsi della stagione croceristica, offrono a migliaia di turisti a spasso per le vie del centro una immagine di una città  sbiadita, senza accoglienza, anonima, e priva di vita aggregativa”.

E invece della risoluzione di quello che definisce un semplice e banale aspetto amministrativo, per Tidei la questione si è trasformata in un campo minato, con “l’Amministrazione che sembra il primo nemico di decine e decine di commercianti che ogni giorno usano il suolo pubblico del centro e del lungomare e dal quale ne vorrebbero trarre benefici ed incentivi per migliorare economicamente  le proprie attività. Ma purtroppo – ha sottolineato Tidei – commissioni, progetti, abachi, evanescenti documenti svuotati di ogni reale capacità decisionale hanno fatto si che l’assunto risolvere si traduca in imperativo bloccare, proporre ed avanzare le proprie idee costruttive significa essere etichettati come nemici della amministrazione comunale”. E così l’esponente del Pd lancia un appello a tutti i commercianti “liberi, autonomi ed imprenditori di se stessi: non lasciamo morire la nostra città in mano a questi incapaci amministratori – ha concluso – riprendiamoci l’dea e la forza di proporre, e se serve, sostituiamoci con iniziative e progetti. Ma non lasciamo morire una Civitavecchia che del commercio, artigianato e piccola impresa ne ha fatto patrimonio e risorsa economica per molte generazioni”.

VIDEO

ULTIME NEWS