Pubblicato il

Civitavecchia apre allo Sprar

Civitavecchia apre allo Sprar

Giovedì alla Pucci assemblea pubblica per discutere di ‘‘Migranti: dall’accoglienza all’inclusione’’. L’idea del Pincio è quella di aderite al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. L’obiettivo è concordare un ordine del giorno da portare in votazione in Consiglio. Ma rimane ancora l’incognita De Carolis VIDEO

CIVITAVECCHIA – Un incontro informativo. Ma non solo. L’occasione per fae il punto della questione e valutare possibili iniziative da intraprendere sul territorio. A partire dall’adesione o meno al progetto Sprar, il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati di cui si è parlato in Prefettura a gennaio, nell’incontro con i Sindaci della provincia. 

Giovedì alle 17, all’aula Pucci, si parlerà proprio di questo, nel corso dell’assemblea aperta a tutta la cittadinanza dal titolo ‘‘Migranti: dall’accoglienza all’inclusione’’, promosso in modo particolare dall’assessore ai Servizi Sociali Daniela Lucernoni insieme alle associazioni del territorio. Un modo per informare la città sul sistema nazionale dell’accoglienza e portare la testimonianza di coloro che a vario titolo si occupano di migranti nel comprensorio. «L’opportunità di effettuare un incontro pubblico informativo sul tema dell’immigrazione è emersa nell’ultima riunione di commissione1 che ha trattato approfonditamente il tema – hanno spiegato dal Pincio – l’idea è quella di arrivare ad un documento condiviso, ad un ordine del giorno da portare in discussione e votazione già al prossimo consiglio comunale». Un odg che impegni Sindaco e Giunta a partecipare al bando per il progetto Sprar, nella prossima finestra utile. Certo, rimane il problema del futuro della ex caserma De Carolis. Lo aveva ribadito proprio la stessa Lucernoni nel corso dell’incontro di qualche settimana fa promosso dall’Arci. «In quella riunione in Prefettura ci è stato fatto capire che anche una possibile adesione alla rete Sprar non escluderebbe la realizzazione del progetto più ampio alla De Carolis – aveva spiegato – il nostro orientamento è quello dello Sprar. In realtà esiste una direttiva del Ministero degli Interni che invita le Prefetture a prevedere una clausola di salvaguardia per i Comuni che aderiscono ai progetti Sprar, per evitare altre iniziative nello stesso territorio. Ma sembra che questo, almeno finora, non valga per la De Carolis».   

Saranno presenti come relatori all’iniziativa rappresentanti della Guardia costiera di Civitavecchia, il senatore M5S Nicola Morra, la deputata del Pd Marietta Tidei, il consigliere regionale M5S Devid Porrello, Amnesty International, che illustrerà la situazione generale sui rifugiati, Giorgio De Acuto della Croce Rossa Italiana, l’associazione Centro di Gravità, con Maria Elena Laquaniti che farà una disamina sulle migrazioni partendo dal dossier statistico, la Comunità di Sant’Egidio, con  Massimo Magnano che descriverà l’attività nazionale dei corridoi umanitari, Semi di Pace e la signora Nour Essa, arrivata in Italia il 16 aprile 2016 insieme alla sua famiglia dalla Siria. Al termine dell’evento sarà lasciato spazio alle domande del pubblico.

VIDEO

ULTIME NEWS