Pubblicato il

A Cerenova il comandante Ferraro spiega come prevenire truffe e raggiri

di DANILA TOZZI

CERVETERI – Continuano gli incontri promossi sul territorio dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma per affrontare, soprattutto con la fascia più debole ed esposta (anziani, spesso soli) il problema delle truffe e dei raggiri e come cercare di evitarli. Ieri mattina presso il Centro Polivalente, a Cerenova, alla presenza del maresciallo capo Sandro Ferraro, comandante della caserma di Campo di Mare accompagnato dal suo vice, maresciallo Giacomo Viccione, sono stati dispensati consigli, suggerimenti e sollecitazioni perché ladri e truffatori trovino le persone pronte e in grado di fronteggiarle. Ad un pubblico attento e partecipe sono stati poi distribuiti anche dépliant in cui viene sottolineato come “la prevenzione sia la migliore difesa” e diviso per argomenti, vengono trattati una tipologia di casi: classico quello dei truffatori che si spacciano per impiegati comunali o appartenenti alle forze dell’ordine. «Persone solitamente non violente – ha spiegato il maresciallo Ferraro – anzi, affabili, eleganti ma che possono presentarsi suonando al campanello anche in tuta da lavoro o in uniforme mostrando un tesserino; la persona apre e a quel punto e il gioco è fatto. Mentre uno intrattiene la vittima l’altro si aggira nelle altre camere (preferibilmente quella da letto) e arraffa tutto quello che può nello spazio di pochi minuti». Altro caso. «Attenzione quindi -insiste il comandante – ai finti idraulici, ai finti elettricisti: importante è non farli entrare dentro casa. Se non si aspetta nessun controllo da parte di enti per luce, gas, telefono mai aprire … quella porta!». Dal momento che si verificano i furti invece bisogna creare le condizioni perché il ladro non abbia vita facile, e possa entrare senza ostacoli dentro gli appartamenti, magari con o in assenza dei proprietari. Quindi sì a inferriate («però sistemate bene, in modo professionale»), sì a sistemi di allarmi («oggi ce ne sono di molto sofisticati ma molto sicuri»). E a proposito di sicurezza è stato evidenziato come il comune di Cerveteri collabori efficacemente con le forze dell’ordine e all’unisono, «per cui si provvederà a rendere più tranquille le frazioni ceriti attraverso l’installazione di video camere di sorveglianza- ha dichiarato il sindaco  Pascucci -nei punti strategici di Cerenova, Campo di Mare, Cerveteri e Valcanneto, per il momento; con un secondo lotto di finanziamenti saranno sistemate anche nelle campagne». Altra raccomandazione rivolta a tutti, giovani e anziani (anche se il pubblico era formato in maggioranza da cittadini della terza età) chi nota atteggiamenti sospetti, segnali subito ai carabinieri, ciò che ha destato la loro attenzione e chiami il 112. E poi denunciare sempre. La percezione generale comunque al di là dei singoli, odiosi atti di microcriminalità è che la zona rimane tutelata e non si registrano eclatanti casi di cronaca, come in altri posti dove le rapine (in villa o nei locali) sono purtroppo una triste realtà. Il prossimo incontro, relatore sempre il maresciallo capo Sandro Ferraro, si terrà venerdì 24 marzo, alle ore 11, presso la sala parrocchiale di Due Casette.

ULTIME NEWS