Pubblicato il

Camping Ladispoli: manifestazione sotto la Regione

Camping Ladispoli: manifestazione sotto la Regione

Ampia partecipazione al sit-in di protesta sotto il Consiglio del Lazio. Sabatini (Cuoritaliani): "Gravissima l'assenza dell'assessore Civita". Critico anche Palozzi VIDEO1  VIDEO2

LADISPOLI – Protestano i campeggiatori di Ladispoli. Sit-in questa mattina, infatti, sotto il consiglio regionale del Lazio. Ampia la partecipazione per dare voce al problema delle aree di via Roma e sollecitare la Pisana. 

“Gravissima l’assenza dell’assessore Civita in Consiglio regionale per affrontare la delicata situazione dei campeggi storici di Ladispoli – ha tuonato Daniele Sabatini, capogruppo Cuoritaliani in Regione Lazio – se ne infischia dei lavoratori, venuti a protestare alla Pisana, e anche di rispondere ai consiglieri regionali. Alla mia terza interrogazione su questa vicenda kafkiana, Civita ha preferito darsi alla fuga, un gesto politicamente vile che dimostra ancora una volta il totale disinteresse del governo regionale. Per colpa dell’inerzia del comune di Ladispoli, tre strutture rischiano di essere fortemente penalizzate per l’imminente stagione estiva; l’amministrazione Paliotta si ostina da mesi a non ottemperare a obblighi di legge di natura urbanistica e la Giunta Zingaretti non attiva i poteri sostituivi per commissariare il Comune. Anzi, continuano a prenderci in giro annunciando una conferenza dei servizi che non si ape mai e dovrebbe durare 90 giorni. E’ da gennaio che incalziamo Civita su questa vicenda, siamo al 22 marzo e far partire, ora, una conferenza decisoria di tre mesi, significa ledere pesantemente le attività dei camping. Per i danni arriveranno le richieste di risarcimento – ha concluso Sabatini – per il vergognoso scaricabarile istituzionale, invece, le responsabilità sono chiare a tutti: Zingaretti, Civita e il Pd del Lazio renderanno conto ai cittadini”. 

“Reputo assolutamente allarmante la buca istituzionale, data quest’oggi dall’assessore Michele Civita al Question Time in Consiglio regionale per rispondere sulla preoccupante situazione dei campeggi, situati sul territorio di Ladispoli – ha aggiunto poi il consigliere regionale Fi e il vicepresidente della commissione Ambiente e Urbanistica, Adriano Palozzi – come sottolineato a ragione dai colleghi di minoranza, non solo la Regione non è stata sinora in grado di fornire risposte chiare dopo mesi di domande e interrogazioni, ma oggi l’assessore competente ha pensato bene di non presentarsi in aula. Purtroppo, a rimetterci saranno i lavoratori dei campeggi e il settore turistico, visto anche l’avvicinarsi dell’estate, che pagano il prezzo più alto dell’immobilismo di Regione Lazio e amministrazione comunale di Ladispoli”.

VIDEO1  VIDEO2

ULTIME NEWS