Pubblicato il

''L’inizio dei lavori straordinari è strettamente legato alla copertura finanziaria''

''L’inizio dei lavori straordinari è strettamente legato alla copertura finanziaria''

PRATO DEL MARE. Il presidente del Consorzio replica a Lanzafame

SANTA MARINELLA – Il presidente del Consorzio Prato del Mare, risponde al residente del quartiere a nord della città Pietro Lanzafame, che nei giorni scorsi aveva chiamato in causa il responsabile del consorzio per chiedere lavori di restyling all’arredo urbano del rione.

«Questa volta non posso esimermi dal precisare alcune cose. – dice la signora Donatella Mazzenga – Gli interventi a Prato del Mare quali potatura degli alberi, rifacimento dei marciapiedi, attività sull’ impianto di illuminazione, vengono effettuati, come si evince in modo inequivocabile dai nostri bilanci, regolarmente tutti gli anni e certo non a seguito della richiesta del Lanzafame. Trattandosi di manutenzione ordinaria, esiste una programmazione ben precisa, mentre la manutenzione straordinaria trae origine da tutti quegli eventi imprevedibili rispetto ai quali il consiglio di amministrazione, per istituto, è chiamato a far fronte. Le spese per tutti i suddetti interventi sono completamente a carico dei consorziati, che versano le quote in due rate semestrali. In particolare, per effettuare determinati lavori di manutenzione ordinaria, occorre attendere tali versamenti. In virtù di ciò, l’inizio di ogni lavoro è legato strettamente alla relativa copertura finanziaria». «L’installazione delle panchine e dei contenitori per le deiezioni canine – spiega il presidente del consorzio – così come il cambio di percorso dell’autobus e lo spostamento della fermata, sono stati deliberati in assemblea, dove peraltro era presente anche il signor Lanzafame, e rappresentano l’espressione della maggioranza assembleare».

«Gli oltre 450 consorziati di Prato del Mare – conclude la signora Mazzenga – se hanno problemi o richieste da avanzare, fanno capo al consiglio di amministrazione che, a sua volta, risponde ad una assemblea convocata almeno una volta all’anno».

Gi.Ba.

ULTIME NEWS