Pubblicato il

Ex Unilabor: si prende tempo

Ex Unilabor: si prende tempo

Saltato l’incontro tra Sgm-Scala Enterprise ed i sindacati. Domani vertice in Dtl: ma sarà la prima di una serie di riunioni per cercare di trovare l’accordo. Passa la linea Ugl: lettera a Cozzolino per chiedere di posticipare il passaggio di consegne VIDEO

CIVITAVECCHIA – Pochi giorni per raggiungere un accordo. E se saltarà tutto difficilmente si potrà andare avanti ed ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità. La vertenza riguardante l’appalto di pulizie, portineria, accoglienza e tecnici del Comune si sta scaldando e ormai è agli sgoccioli. A fine mese è previsto il passaggio tra Helyos-Unilabor – che ha ricevuto il mandato dal Pincio di licenziare i dipendenti venerdì – e la nuova società Sgm Scala Enterprise, ma l’accordo sindacale è ancora da trovare ed il futuro dei lavoratori rimane incerto.

Questa mattina si sarebbe dovuto svolgere l’incontro proprio tra la nuova società ed i sindacati, per trovare o meno un’intesa per il passaggio dei lavoratori e l’avvio quindi senza problemi dell’appalto. Ma la Sgm-Scala Enterprise non si è presentata. A quanto pare era impegnata nella preparazione del piano da presentare domani alla Direzione territoriale del lavoro, dove è in programma la riunione per il passaggio formale dell’appalto. Ma di certo sarà la prima di una serie di riunioni, concentrate in questi giorni.

Questo quanto emerso nel corso dell’assemblea dei lavoratori di questo pomeriggio in Compagnia portuale. Lavoratori che non vogliono arretrare neanche di un passo e non vogliono quindi cedere neanche un minuto del loro lavoro alla nuova società «che già – hanno spiegato – andrà a guadagnare quasi il doppio rispetto al precedente consorzio. E non può farlo sulla nostra pelle». Perché si parla, come già più volte ribadito, di un taglio di ore che andrebbe ad incidere negativamente su stipendi già bassi.  Ma il tempo stringe. E così intanto sono state approvate alcune proposte. «Innanzitutto – ha spiegato la confederale dell’Ugl Fabiana Attig – scriveremo al Sindaco per chiedere formalmente di posticipare la data del passaggio di consegne almeno di un paio di settimane, prorogando di fatto il servizio ad Unilabor». Nel frattempo l’incontro di domani in Dtl sarà utile per avere un quadro più chiaro e capire che tipo di strada percorrere. «Stiamo facendo una battaglia – ha spiegato il segretario della Filcams Cgil Fausto Quattrini – per portare a casa il miglior risultato possibile». La preoccupazione rimane tra i dipendenti che non vogliono certo perdere il proprio posto di lavoro – soprattutto alla luce delle voci sulla possibilità di utilizzo di lavoratori provenienti da Napoli da parte nuova società per coprire eventuali assenze – ma non vogliono neanche perdere ore preziose per le loro tasche.

VIDEO

ULTIME NEWS