Pubblicato il

Ladispoli, Marongiu: "Sprar scelta migliore"

LADISPOLI – Per la consigliera comunale Pd Silvia Marongiu la soluzione dello Sprar sarebbe la via migliore per garantire un’adeguata accoglienza ai migranti. Una soluzione che consentirebbe di mettere i comuni in grado di gestire la situazione. L’assessora dichiara che «Il comune di Ladispoli lavorerà insieme al comune di Cerveteri in maniera integrata ad un bando che cercherà di dare priorità alla rete territoriale e, come confermato dal sindaco Paliotta, potrebbe inizialmente riguardare anche soltanto un limitato numero di persone (dalle 20 alle 40).» 
La mancata adesione allo Sprar potrebbe far perdere il controllo del numero dei migranti che i territori del litorale dovrebbero poi gestire. Sempre secondo Silvia Marongiu «Nei Comuni che non aderiscono alla rete Sprar il Ministero degli Interni si riserva di emettere bandi per la ricerca di strutture private e, a quel punto, le Amministrazioni comunali non hanno più alcuna competenza. E’ quello che è già accaduto a Fiumicino e a Civitavecchia o ad Anzio e Nettuno dove, a seguito della mancata adesione, sono stati aperti 5 centri privati e ne apriranno altri a breve. Quindi un privato potrebbe proporre l’affitto di ex alberghi o palazzine intere (concentrando i rifugiati e rischiando di creare “ghetti”).»
In conclusione secondo la Marongiu «Bisogna ricostruire un clima di fiducia e dare delle garanzie mettendo al centro il welfare come motore di sviluppo sociale ed economico, mettere in campo azioni multidisciplinari e contaminazioni complesse, costruendo forme di parternariato prima di tutto tra i soggetti sociali, ma anche con le istituzioni.»

ULTIME NEWS