Pubblicato il

Tpl al collasso, Filt e Ugl: "Si faccia presto"

Tpl al collasso, Filt e Ugl: "Si faccia presto"

I rappresentanti sindacali Francesco Guidara e Sami Jamaldine sollecitano Enel ad accelerare per l'acquisto dei nuovi mezzi. Allo stesso tempo invitano l'amministrazione a predisporre un nuovo piano di trasporti che possa rispondere concretamente ai bisogni e alle necessità dell'utenza. E ringraziano tutti i lavoratori di Argo costretti a lavorare affrontando problemi quotidiani  VIDEO

CIVITAVECCHIA – Arriva dai rappresentanti della Filt Cgil Francesco Guidara e dell’Ugl Sami Jamaldine l’appello ad Enel a fare presto, ad accelerare per ottemperare in maniera tempestiva all’acquisto di nuovi mezzi per il trasporto pubblico locale, così come previsto delle modifica delle prescrizioni Via. Perché la giornata di ieri, con ben quattro linee saltate in poche ore, è lo specchio di come il servizio sia ormai al collasso. E non si può più aspettare. Ne va della sicurezza, oltre che della qualità di un servizio che si è persa da tempo. 

“Gli annosi problemi del parco mezzi del Tpl – hanno ricordato i due rappresentanti sindacali – sono frutto di gravi problemi strutturali, considerata anche la mancanza di scelte strategiche e di investimenti volti al medio e lungo termine, che ne riducono l’efficacia, l’efficienza e la qualità del servizio reso al cittadino nonché la qualità di vita lavorativa dei dipendenti impegnati quotidianamente a svolgerlo. Esprimiamo quindi il nostro rammarico e la nostra solidarietà all’utenza e ai lavoratori, rinnovando l’appello ad Enel perché dopo tanti anni di servitù senza alcun beneficio in termini di investimento per la città questo potrebbe creare i presupposti perché finalmente il mezzo pubblico possa diventare un “bene di merito”, aumentando l’efficacia del trasporto pubblico per la collettività, riducendo problemi di congestione veicolare e limitando di gran lunga l’impatto ambientale”.

Allo stesso tempo Guidara e Jamaldine invitiamo l’amministrazione comunale a sviluppare, contemporaneamente, un nuovo piano dei trasporti “affinché esso corrisponda alle esigenze di mobilità dei cittadini. Inoltre visti i continui tagli da parte dello Stato agli enti locali per mantenere in equilibrio i bilanci – hanno concluso – siamo convinti che il trasporto dei croceristi, i parcheggi, gli stalli a pagamento, il servizio carro attrezzi siano un’opportunità di sviluppo. Cogliamo l’occasione per ringraziare tutto il personale di Argo per l’impegno che tutti i giorni mette nel proprio lavoro malgrado le mille difficoltà”.

Nel frattempo, anche oggi sono soppresse la linea C barrata e la G per i cimiteri, mentre sono state ripristinate la A e la D. 

VIDEO

ULTIME NEWS