Pubblicato il

Una ‘‘pista’’ per Parco Leonardo

Una ‘‘pista’’ per Parco Leonardo

Fiumicino. Il Comitato di quartiere spinge per la realizzazione immediata di rotonde e ciclabile. "Superare il progetto della cittadella"

PARCO LEONARDO – «Vogliamo assolutamente evitare che il collegamento al Quartiere sia indissolubilmente legato alla realizzazione della “cittadella dello sport” che avrà tempi molto lunghi e alla costruzione del ponte di attraversamento della via Portuense che potrebbe anch’essa non essere veloce». E’ la posizione del Comitato di quartiere Parco Leonardo, che sta spingendo per una soluzione alternativa rispetto al tema della pista ciclopedonale. L’assessorato all’Urbanistica, infatti, prevede lo sbocco sulla via Portuense all’altezza della futura “cittadella dello sport”, l’attraversamento della via Portuense tramite un ponte e il proseguimento all’interno della cittadella fino al Quartiere Parco Leonardo.
Prevista la sua realizzazione in project financing, potrebbe avere tempi molto lunghi; tempi lunghi, in    genere,    comportano rischi superiori».
Ma qual è l’alternativa proposta? E’ stata formalizzata in un documento presentato al Comune e prevede 
il proseguimento della pista lungo il fiume Tevere e il collegamento al    Quartiere attraverso una    nuova rotonda dotata di    dossi dissuasori; questa dovrebbe essere realizzata all’altezza    dell’incrocio    tra la via Portuense e via del Perugino, dove il Tevere    lambisce il Quartiere; la stessa dovrebbe    poi proseguire sempre sulla via Portuense, attraversare l’attuale rotonda all’incrocio con via del    Caravaggio e, sempre sulla via Portuense, continuare verso una seconda nuova rotonda che dovrebbe essere realizzata all’incrocio tra via Stoccolma e via Portuense; ambedue le nuove rotonde sarebbero dotate di dossi dissuasori. Un’idea che piace all’assessorato Lavori Pubblici.
Di questo, poi, una Delegazione del Comitato, ne ha parlato in una riunione con la Consulta Mobilità.
«La discussione ha trovato la Consulta in linea e d’accordo col nostro pensiero e, per tale motivo, abbiamo prodotto un progetto che Le abbiamo consegnato in data odierna e che invieremo, nei prossimi giorni, agli Assessorati all’Urbanistica ed ai Lavori Pubblici che hanno opinioni diverse in merito fra loro e a cui abbiamo chiesto un incontro congiunto in modo da definire e pianificare una soluzione definitiva che risolva, in modo ottimale, il problema e sia, nel contempo, un’occasione di sviluppo per Parco Leonardo».
«Nel documento – chiosa il Comitato .- abbiamo anche indicato i vantaggi e gli svantaggi che noi abbiamo visto di una soluzione rispetto all’altra e definito il percorso di quella che a noi è sembrata essere la soluzione ottimale.
E’ chiaro che siamo sempre pronti ad accettare alternative che rispettino gli obiettivi sopraindicati e che velocizzino la fruizione della pista pedo-ciclabile da parte dei Cittadini Residenti».

ULTIME NEWS