Pubblicato il

Linea speciale e costo del biglietto: D'Antò non convince

Linea speciale e costo del biglietto: D'Antò non convince

Il titolare di Royal Bus Massimiliano Passalacqua contesta, punto per punto, le dichiarazioni dell'assessore ai Trasporti sul tpl e sulla navetta che da largo della Pace porta i crocieristi alla stazione ferroviaria

CIVITAVECCHIA – La definizione di “linea speciale” ed il costo del biglietto, doppio rispetto ad una normale corsa urbana. Sono questi i primi due aspetti sui quale si sofferma il titolare di Royal Bus Massimiliano Passalacqua per contestare, punto per punto, le dichiarazioni dell’assessore ai trasporti Enzo D’Antò in merito alla navetta che da largo della Pace porta i crocieristi alla stazione ferroviaria, al costo di 2 euro a biglietto. 

“Il Commissario Straordinario  Santoriello – ha ricordato Passalacqua riferendosi a quanto dichiarato da D’Antò – ad aprile 2014 approvava la modifica del programma di esercizio Tpl, instituendo una “linea di collegamento” tra il parcheggio di largo della Pace e la stazione ferroviaria. Con delibera della Giunta Comunale di cui fa parte l’assessore D’Anto a giugno 2015 veniva invece disposto l’adeguamento tariffario dei biglietti del Tpl, in misura pari al valore di due biglietti di di corsa semplice”: Ma ricorda Passalacqua che per “linea speciale”, così come l’assessore definisce il servizio di navetta, la Regione indica quei “servizi di linea speciali riservati a determinate categorie di soggetti quali i lavoratori, portatori di handicap e soggetti a ridotta capacità motoria. Risulta chiaro che le linee speciali, per essere tali e poter esser esercitate – ha spiegato – sono solo quelle riservate a determinate categorie nelle quali non rientrano i croceristi. Il servizio di linea deve poi essere svolto tutti i giorni secondo orari e percorrenza stabilite mentre l’attuale servizio – ha aggiuge il titolare di Royal Bus – viene effettuato solo quando sbarcano i croceristi e senza osservare le fermate programmate. Il costo del biglietto è doppio rispetto a quello del Tpl. Ne consegue che se un cittadino di Civitavecchia vuole prendere, e lo può fare, l’autobus da largo della Pace alla stazione oppure sale a bordo in una fermata intermedia – ha concluso Passalacqua – deve pagare il doppio del biglietto normale”.

ULTIME NEWS