Pubblicato il

Braccia spezzate e torture: stalliere punito per aver denunciato i titolari

Braccia spezzate e torture: stalliere punito per aver denunciato i titolari

TORINO – I carabinieri di Chivasso hanno eseguito questa mattina due ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emesse dal gip del Tribunale di Ivrea, nei confronti di due italiani, titolari di un maneggio con annessa scuola di equitazione nel Canavese, ritenuti responsabili di lesioni gravi, sequestro di persona e tentata estorsione su danni di uno stalliere istruttore di equitazione.

La vicenda nasce a seguito di un controllo nel maneggio effettuato lo scorso febbraio dalle guardie zoofile, a seguito della segnalazione di presunti maltrattamenti di animali. In quella circostanza, poiché uno dei due titolari del maneggio aveva manifestato segnali di forte agitazione a causa della presenza di una troupe televisiva, le guardie zoofile avevano richiesto l’intervento a supporto dei carabinieri.

A distanza di tempo dal controllo, i due titolari, secondo l’accusa, avrebbero aggredito e picchiato con bastoni lo stalliere accusandolo di aver avvisato e richiesto l’intervento delle guardie zoofile. L’aggressione è durata alcune ore al termine della quale la vittima ha riportato la rottura delle braccia e ferite su varie parti del corpo. Gli arresti sono avvenuti in collaborazione il personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale Carabinieri di Torino. (Adnkronos)

ULTIME NEWS