Pubblicato il

Tarsu, diminuzioni a cascata sulle varie categorie

Tarsu, diminuzioni a cascata sulle varie categorie

Lo ha detto il delegato Emanuele Minghella in consiglio comunale

S. MARINELLA – Si dice particolarmente soddisfatto il delegato al Bilancio Emanuele Minghella quando, in consiglio comunale, spiega come è stato possibile, lo scorso anno, ridurre la spesa per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani. Un risparmio di 130mila euro che, insieme al recupero per 90mila euro di tasse evase, produrranno un abbassamento dell’accisa sulla raccolta differenziata, che va dal tre per cento per un appartamento al 12 per cento per un esercizio commerciale. «E’ vero – dice Minghella – ci sarà una diminuzione a cascata sulle varie categorie commerciali e sui proprietari di abitazioni della tarsu. Siamo riusciti infatti a recuperare 220mila euro per la raccolta differenziata e questo ci consentirà di dare un pur minimo abbassamento della tarsu ai cittadini. Per noi è una bella soddisfazione perché significa che in questo servizio si sta lavorando bene. Ma non è tutto, perché contiamo, per l’anno corrente, di procedere ad un recupero della tassa evasa di oltre 600mila euro, grazie al lavoro fatto dagli uffici che andando a fare controlli incrociati sulle abitazioni che avevano fatto dichiarazioni errate all’ufficio tributi, abbiamo scoperto che molti hanno attestato dati inesatti che gli consentiva di pagare una tarsu minore». Dai banchi della minoranza invece si è cercato di sapere come stanno le cose in merito alla promessa fatta dallo stesso Minghella di procedere alla rottamazione delle cartelle notificate riguardanti le tasse comunali. «Ho avuto modo di parlare di questo con i revisori dei conti – risponde il delegato – e posso dire sin da ora che la rottamazione ci sarà. Attendiamo prima che il bilancio arrivi in consiglio comunale e poi la questione sono certo verrà risolta». Ovviamente la rottamazione riguarderà solo per le multe che sono a ingiunzione pagamento. Dunque il cittadino, rottamando la cartella, potrà avere uno sconto del 70% sugli interessi. Stiamo parlando di una cifra intorno alle 100mila euro in totale. Questa operazione, potrebbe consentire al Comune di introitare quelle multe che per anni non sono mai state pagate e che probabilmente i cittadini non pagheranno mai. Dunque, colui che si è visto recapitare una multa, potrebbe essere sollecitato a pagarla perché potrà risparmiare il 70% degli interessi e delle accise che ci sono sopra. «Chiaro – conclude Minghella – se non paghi, il Comune continuerà a perseguire il soggetto con i mezzi a disposizione dell’ente locale per il recupero della somma dovuta».

ULTIME NEWS