Pubblicato il

Il castello di Santa Severa riapre le porte il 25 aprile

Il castello di Santa Severa  riapre le porte il 25 aprile

Decisione della Regione Lazio

SANTA MARINELLA – Il 25 aprile il castello di Santa Severa sarà aperto al pubblico, con la promessa che lo sarà per tutto l’anno. Una decisione presa nei giorni scorsi dalla Regione Lazio, che destinerà una parte del maniero ad attività commerciali e l’altra a quelle turistico-archeologiche. Il movimento cittadino “Il Paese che Vorrei”, esprime soddisfazione per l’evento, ma allo stesso tempo si dice preoccupato per un progetto che presenta molti punti di rischio e di vulnerabilità rispetto al futuro di questo bene comune.

«La Regione – commentano i dirigenti del Movimento – ha infatti deciso di affidare la gestione alla società regionale LazioCrea, che procederà all’affidamento di diversi servizi interni a privati mediante bando pubblico. Un processo che si discosta profondamente dal progetto unitario da noi elaborato tre anni fa, che aveva raccolto il plauso e l’adesione formale dei comuni del territorio e che prevedeva un sistema di gestione diretto ed unico da parte di un solo soggetto. Abbiamo recentemente incontrato la dirigenza regionale e di LazioCrea, esprimendo la nostra apprensione rispetto ad alcuni punti specifici e le nostre richieste in termini di beneficio diretto per i cittadini, soprattutto i giovani di Santa Marinella e del territorio circostante. Affidare a privati le attività remunerative quali il ristorante, il bar o l’albergo, espone al rischio di speculazione e sottrae autonomia economica al sistema». «Il canone di locazione – conclude Il Paese che Vorrei – finirà nel risanamento del bilancio della sanità, mentre le attività di interesse sociale e culturale ricadranno sulla spesa pubblica della Regione e saranno garantite solo sino a quando la Regione avrà l’interesse e l’opportunità di farlo. In assenzadi attività continuative sarà impossibile garantire il flusso di clienti per le attività commerciali e quindi la ricaduta occupazionale sul territorio». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS