Pubblicato il

Ius soli e adozioni per coppie gay: Forza nuova in prima linea

CIVITAECCHIA – Grande successo anche a Civitavecchia per la raccolta firme per le due petizioni popolari promosse, a livello nazionale, da Forza Nuova contro ogni ipotesi di legge che consenta il riconoscimento della cittadinanza agli immigrati sulla base dello Ius soli e l’adozione di bambini da parte di coppie omosessuali.

“Sabato, in circa tre ore – hanno spiegato – sono state raccolte oltre cento firme dai militanti di Forza Nuova Civitavecchia, a riprova del grande entusiasmo ed attenzione con i quali i civitavecchiesi hanno accolto queste iniziative, che evidentemente affrontano temi di notevole interesse ed attualità. Ai tanti cittadini che non sono riusciti a firmare sabato scorso ma che ci hanno manifestato intenzione di firmare e di aiutarci a raccogliere le firme diamo comunichiamo che la raccolta firme proseguirà nelle prossime settimane e nuovi banchetti saranno organizzati dai militanti”.

Il responsabile cittadino Mirko Giannino ringrazia quanti si stanno impegnando in queste iniziative sul territorio e interviene nuovamente sulla ventilata ipotesi di costituire un Hub per immigrati clandestini presso la caserma “De Carolis” di Civitavecchia, come riportato dagli organi di stampa locali: “Leggiamo con preoccupazione e disappunto che il prefetto vorrebbe costringere Civitavecchia ad ospitare questa struttura di accoglienza per centinaia di clandestini che, come abbiamo da sempre denunciato – ha spiegato – costituirebbe una inaccettabile servitù per il nostro territorio, con conseguenze devastanti per il già precario equilibrio sociale ed economico e per l’ordine pubblico di Civitavecchia, con inevitabili gravi risvolti anche di ordine socio-sanitario. Ribadiamo con fermezza la nostra assoluta contrarietà a questa ipotesi ed invitiamo i numerosi movimenti politici, associazioni e cittadini contrari a questa iattura ad unirsi e mobilitarsi in questa battaglia contro ogni forma di invasione di immigrati nel nostro territorio. L’amministrazione comunale ed il sindaco, in particolare, hanno il dovere di agire per scongiurare in ogni modo questa minaccia. Noi saremo come sempre in prima linea a difesa di Civitavecchia e dei civitavecchiesi. Civitavecchia si opporrà a questi assurdi diktat della prefettura come hanno fatto i cittadini di Goro. Ribadiamo con forza il nostro no al business dell’immigrazione. I 5 milioni di euro che lo Stato vorrebbe destinare all’accoglienza degli immigrati clandestini – ha concluso – siano spesi per potenziare i servizi sociali e di assistenza assurdamente tagliati dal governo e dagli enti locali agli Italiani indigenti, anziani e disoccupati in primis”. 

ULTIME NEWS