Pubblicato il

Riccetti sul Cara: "Non ho lasciato io la delibera nel cassetto"

Riccetti sul Cara: "Non ho lasciato io la delibera nel cassetto"

CIVITAVECCHIA – “È stata la maggioranza ad accantonare la delibera di variante urbanistica per trasformare la Caserma De Carolis in un centro di accoglienza per migranti”. È quanto afferma la presidente del consiglio comunale Alessandra Riccetti, contestando il dossier trasmesso in prefettura dal segretario generale Cordella. «Probabilmente se ne parlerà in consiglio – ha spiegato ai microfoni di Trc giornale – viste le due conferenze dei capigruppo che hanno affrontato la questione. Nei rilievi fatti dal segretario generale – prosegue la Riccetti – vengo accusati di non aver portato la delibera in consiglio, ma ci sono stati poi dei risvolti politici e delle decisioni assunte dalla maggioranza. Di sicuro non mi sono dimenticata la delibera nel cassetto». Tutto ruota intorno al consiglio del febbraio 2016, quando la presidente del consiglio sospese la seduta tanto a cuore a Cozzolino. Poi l’intervento del M5S nazionale e il dietrofront della maggioranza sul progetto De Carolis. «Non mi arrogo nessun potere – riferisce la Riccetti – soprattutto sul fatto che una delibera possa o meno andare in consiglio comunale. È una decisione che spetta al sindaco e alla conferenza dei capigruppo. In queste ultime riunioni se n’è discusso, è stato deciso di portarla in consiglio e poi ognuno deciderà come comportarsi». Rimane il fatto che la Prefettura ha chiesto, dietro segnalazione della Cordella, spiegazioni precise sul comportamento della presidente del consiglio comunale Riccetti. «Io ho fornito la mia versione – afferma la presidente – mi è stata imputata una responsabilità che non mi sento di assumere, perché ci sono state decisioni politiche, su cui non ritengo che un segretario generale possa mettere bocca. Ora studierò le carte relative a questi rilievi e deciderò come agire».

VIDEO

ULTIME NEWS