Pubblicato il

Niente allacci alle fogne: sospese le attività per due rimessaggi

Niente allacci alle fogne: sospese le attività per due rimessaggi

LADISPOLI – Tre mesi di sospensione dall’attività di rimessaggio barche per carenza di requisiti igienico sanitari e mancanza di allacciamento alla fognatura degli scarichi di acque reflue. Questo quanto si legge su due ordinanze emesse dal Comune di Ladispoli nei confronti di due attività su via Roma. Secondo la ricostruzione, i due rimessaggi, già interessati da accertamenti da parte della Finanza in merito alla presenza di manufatti abusivi, avrebbero ricevuto la visita della Asl Rm4 che ha riferito che gli scarichi delle acque reflue provenienti dall’attività non risultano collegati alla pubblica fognatura. Anche le Fiamme Gialle precedentemente avrebbero accertato che gli scarichi venivano raccolti in vasche a tenuta stagna e smaltiti in difformità con la vigente normativa del D.Lgs 152/2006. Per questi motivi la revoca per 3 mesi della licenza di attività di rimessaggio barche. L’attività ad ogni modo, si legge sull’ordinanza “potrà essere ripresa “ipso facto” nel momento stesso in cui chiunque ne abbia interesse dia prova certa che siano state ripristinate tutte le regolari condizioni di legge”. I proprietari dei rimessaggi hanno comunque la facoltà di ricorrere al Tribunale Amministrativo del Lazio per impugnare il provvedimento.

ULTIME NEWS