Pubblicato il

''Serve un cambio e la rimodulazione della squadra di governo''

''Serve un cambio e la rimodulazione della squadra di governo''

Lettera a Bacheca di Andrea Passerini in vista del voto sul bilancio

SANTA MARINELLA – Quattro anni di richieste, proposte ed inviti a dare un incarico esecutivo alla sua lista. Nel giorno più importante dell’ultima legislatura Bacheca e cioè quello di oggi, dove si discuterà sul bilancio preventivo, che potrebbe riservare delle sorprese in tema di approvazione, il consigliere comunale di Fratelli D’Italia Andrea Passerini lancia l’ultimo segnale al primo cittadino, invitandolo ad accettare le proposte del suo partito, rischio il voto contrario nell’assise pubblica. Passerini colloquia con Bacheca attraverso una lettera in cui dice: «Caro Roberto – scrive Passerini – ti invio questa lettera aperta con un doppio obiettivo, stimolare una tua presa di posizione alla vigilia dell’ultimo bilancio previsionale della nostra consiliatura sulla squadra di governo, sulle attribuzioni di responsabilità e sulle azioni da sviluppare nei prossimi decisivi dodici mesi e, soprattutto, fare chiarezza agli occhi dei cittadini. Innanzitutto su quel patto di fine mandato che da mesi ti chiedo di sottoscrivere e di rendere pubblico, per sapere chi sia intenzionato a portare a termine il lavoro avviato e tracciare il percorso da sviluppare per il futuro della città. Vorrei poi chiarezza sul cambio di passo che ti ho pubblicamente esortato ad imprimere e su cui ti sei verbalmente espresso con favore, recependo la necessità di darci una spinta nuova e una maggiore capacità di concretizzazione. In merito alle priorità, non posso che confermarti ancora più decisamente quanto asserivo più di un anno fa, sulla non opportunità di concentrare gran parte degli sforzi nelle grandi opere. Non perché la nuova piazza e sottopasso di Valdambrini non fossero importanti, ma per ragioni che andavano dall’indebitamento comunale all’incapacità nel settore dei lavori pubblici di gestire le criticità dei percorsi, e contestualmente garantire attenzione a tutte le altre esigenze. La conseguenza è stata uno spreco di tempo, di energie, di risorse, e una mancanza di impegno e strategia nello sviluppo di azioni più sostenibili con l’attrazione di risorse esogene e cantierabili opere su cui abbiamo già progetti definitivi e nulla osta. Sull’opportunità di un cambio e una rimodulazione delle responsabilità nella squadra di governo, mi sono espresso più volte, attendendo e confidando finora invano suo tuo coraggio e decisionismo. Intervenire su alcune deleghe non vuol dire solo premiare chi ha lavorato meglio e contenere chi non ha risposto adeguatamente alle aspettative, ma significa anche dare nuovo slancio e caratterizzare il periodo di fine mandato». «Se tu volessi dimostrare coerenza con quanto promesso a voce – conclude Passerini – ed attribuire maggiore responsabilità al sottoscritto e al mio gruppo, saremmo determinati nell’assumercela, rendendo ancora più forte ed organica la nostra azione, che è per fortuna apprezzata e che si è distinta per i risultati, l’impegno massimale, la passione, la dedizione e l’amore per questa città. Ma il tempo delle promesse è finito». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS