Pubblicato il

Biossido di zolfo, Forza Italia promette un’interrogazione alla Camera

Biossido di zolfo, Forza Italia promette un’interrogazione alla Camera

Gli azzurri di Civitavecchia puntano il dito contro l’ambientalismo a Cinque stelle poco convinti dalla provvidenziale scomparsa dalle rilevazioni sulla qualità dell’aria e si chiedono dove siano finiti "i proclami elettorali" 

CIVITAVECCHIA – Gli azzurri di Civitavecchia promettono un’interrogazione alla Commissione ambiente della Camera dei deputati da parte degli onorevoli Martinelli, Di Girolamo e Aurigemma riguardo la scomparsa del biossido di zolfo dalle rilevazioni effettuate sul territorio.

I coordinatori locali di Forza Italia puntano il dito contro la “tetrade pentastellata Cozzolino-Manuedda-Floccari-Menditto con la regia occulta di mano (forse) femminea. La coscienza – proseguono – ambientale viene spesso invocata dai nostri quattro amministratori cittadini in ogni  occasione ma, di fatto, attualmente non si sa dove siano finiti i proclami elettorali di chiusura della centrale di Tvn, la raccolta differenziata, le informazioni al pubblico sui dati di inquinamento, il Porto che , a seconda del presidente di turno, ha le navi che una volta fumano e un’altra no. E dunque – si chiedono gli azzurri – dopo tre anni di gestione pentastellata che rimane? L’uscita del comune di Civitavecchia dal Consorzio per la gestione dell’osservatorio ambientale, le fallimentari “domeniche ecologiche”, un bel crematorio in via di ultimazione ed il progetto del resort a Fiumaretta con vista sul depuratore. Si sa, invece, dove sono finiti i soldi di Enel, definiti da Manuedda “insanguinati”, quelli sottratti al Consorzio e “donati” ad Arpa Lazio”.

Da Forza Italia puntano il dito contro Manuedda facendo notare che ormai non si lamenta più per la mancata ottemperanza delle prescrizioni e si chiedono se sia cambiato qualcosa a causa dei soldi Enel. Gli azzurri passano poi a Menditto ricordando le sue parole: “nonostante la presenza di una delle centrali a carbone – continuano citando il grillino – più grande d’Europa e del primo porto per numero di croceristi del Mediterraneo, le troppe centraline non hanno mai registrato nulla di particolarmente rilevante ed è altamente improbabile che cominceranno a farlo nel prossimo futuro. Mi piacerebbe considerare Civitavecchia una città salubre, ma purtroppo i dati epidemiologici relativi alle malattie correlate all’inquinamento danno un altro quadro”. Parole che sembrano essere passate in secondo piano ora che “le stesse (centraline) misurano tutte concentrazioni di ossidi di zolfo riscontrabili normalmente nell’aria di montagna e nessuno – concludono da Forza Italia – prende posizione sull’argomento?”. 

ULTIME NEWS