Pubblicato il

Migranti, caso procuratore Catania finisce al Csm

«Dopo aver sentito i capi di Corte e il presidente della I Commissione, Giuseppe Fanfani, sottoporrò il caso all’esame del comitato di presidenza alla prima seduta utile fissata per mercoledì 3 maggio, fermo restando che, come è noto, spetta al ministro della Giustizia e al procuratore generale della Cassazione di valutare se esistono o meno i presupposti per l’esercizio dell’azione disciplinare». Così il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, interpellato dopo le dichiarazioni del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro.
Procuratore di Palermo: «Ong hanno salvato migliaia di vite». Sulla vicenda è nuovamente intervenuto Luigi Di Maio. «Le dichiarazioni del procuratore Zuccaro lanciano un allarme gravissimo. Il procuratore ha detto di avere la certezza del rapporto tra scafisti e alcune Ong ma di non poterle utilizzare come prove» ha sottolineato il deputato del M5S, a margine di un convegno alla Camera.
«Il M5S – ha aggiunto Di Maio – farà una proposta per modificare le leggi, affinché la procura di Catania possa utilizzare le intercettazioni come prove per un processo e fare chiarezza una volta per tutte sui rapporti tra scafisti, organizzazioni criminali libiche e alcune Ong o se, addirittura, come diceva ieri il procuratore di Catania, ci siano gli scafisti che finanziano direttamente alcune Ong».
«Questo – ha concluso il vice presidente della Camera – non significa certo che tutte le Ong sono coinvolte, Ong che potrebbero darci una mano loro stesse a fare chiarezza». (Adnkronos)

ULTIME NEWS