Pubblicato il

Venerdì Santo, mostra fotografica alla chiesa della Stella

CIVITAVECCHIA – Una sorta di appendice della processione del Venerdì Santo. È la mostra fotografica organizzata dall’Arciconfraternita del Gonfalone in collaborazione con l’associazione Cinefotografica di Civitavecchia, al termine del primo concorso fotografico in occasione della Processione del Cristo Morte che racconta, attraverso immagini, come il corteo venga colto dagli occhi e fermato in uno scatto. Chi ha partecipato ha risposto con una foto a questa domanda: Ogni sguardo è diverso ed ognuno coglie un aspetto della Redenzione, bellezza ed emozione: qual è il tuo? 

“Abbiamo deciso di esporre le opere presentate in una mostra la prossima settimana per accompagnare i festeggiamenti per il 235° anniversario della dedicazione della Cattedrale di Civitavecchia – ha spiegato il priorie David Trotti – l’evento si svolgerà all’interno delle cappelle annesse alla Chiesa della Stella. Sarà possibile visitare la mostra da lunedì 15 a venerdì 19 maggio dalle 18,30 alle 20. I Confratelli e le Consorelle dell’Arciconfraternita del Gonfalone vi aspettano sia per accompagnarvi nella visita alla mostra che attraverso bellissime istantanee racconta il Venerdì Santo, sia per rivolgere alla Madonna delle Grazie il ringraziamento per la sua intercessione e per l’aiuto che riserva a questa città”.

Il priore ha colto l’occasione per ringraziare “tutti coloro che, con le offerte – ha spiegato – ci hanno consentito di realizzare ancora una volta questa secolare tradizione, i partecipanti, le associazioni che hanno vissuto il sacro evento ed in particolare alla Consorella Confraternita dell’Orazione e Morte ed al suo priore Giacomo Catenacci, all’amministrazione comunale nelle persone del sindaco Cozzolino e dell’assessore alla cultura Vincenzo d’Antò, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, alle forze dell’ordine che con il loro solerte e qualificato impegno hanno assicurato come sempre il sereno svolgimento della Processione, alle due Bande musicali cittadine, agli organi di stampa e d’informazione che puntualmente hanno seguito fin dalla preparazione questo importante appuntamento cittadino, e da ultimi ma non ultimi al vescovo Luigi Marrucci che con la visita ai penitenti ha reso speciale quest’anno il loro cammino e a don Cono Firringa che ci segue e ci conforta costantemente con la sua vicinanza e la sua preghiera”.

 

ULTIME NEWS