Pubblicato il

Amministrative Tarquinia, sedici liste per sei aspiranti sindaco

Amministrative Tarquinia, sedici liste per sei aspiranti sindaco

TARQUINIA – Quindici liste e oltre duecento candidati. Ore di febrile attesa per la chiusura delle liste elettorali prevista per questa mattina alle ore 12. Bocche cucite da parte di tutti gli schieramenti che fino all’ultimo hanno cercato di riempire le caselle mancanti. Se non si verificheranno colpi di scena dell’ultima ora, sono sei i candidati alla carica di sindaco di Tarquinia, tutti determinati ad occupare la poltrona che sarà lasciata libera da Mauro Mazzola (Pd) che conclude il suo secondo mandato da primo cittadino, e che molto probabilmente sarà di nuovo in campo per competere alla carica di consigliere.

Il centrosinistra si presenta alle elezioni diviso, dopo la scissione tra Pd e Moderati e Riformisti. Il partito democratico ha scelto con le primarie, l’assessore uscente Anselmo Ranucci, quale candidato migliore per la carica di sindaco. Con lui dovrebbero essere presentate tre liste: ‘‘Sì Amo Tarquinia’’; ‘‘Pd’’, nel quale oltre a Mazzola confluiscono anche, salvo colpi di scena, Sandro Celli, Piero Rosati, Armando Palmini, Angeo Centini ed Elisa Valeri; e ‘’Impegno sociale’’. Nelle tre liste confluiscono anche esponenti di ‘‘Italia dei valori’’ e ‘‘Polo civico di sinistra’’.

L’ex vicesindaco Renato Bacciardi sarà sostenuto da quattro liste, di cui una espressione dei Mo.Ri metre le altre espressione della società civile. Tra i nomi già usciti quelli di Tiziano Torresi, Massimiliano Coluccio, Alessandro Sacripanti, Attilio Boni ed Arianna Centini, ex segretario del Pd.

Il centrodestra, dopo lunghe consultazioni al proprio interno, e dopo aver optato in un primo momento per il nome di Roberto Fanucci, poi ritiratosi, ha scelto quale candidato sindaco l’imprenditore Pietro Mencarini, espressione della società civile e figura in grado di raccogliere un più vasto consenso in seno al centrodestra. A suo sostegno dovrebbero esserci tre liste: ‘’Rinnova’’ che fa capo all’ex candidato a presidente dell’Università Agraria Manuel Catini, ‘‘Idea e sviluppo’’ che fa capo al consigliere comunale d’opposizione Pietro Serafini e ‘‘Mencarini sindaco’’.

In campo, per queste elezioni 2017, anche l’ex sindaco di Civitavecchia ed ex presidente dell’Autorità portuale Gianni Moscherini con, al momento,quattro liste a supporto. Moscherini ha annunciato nei giorni scorsi di avere chiuso un accordo con il critico d’arte Vittorio Sgarbi pronto ad accettare l’incarico di eventuale assessore alla Cultura in caso di vittoria dell’ex numero uno di Molo Vespucci. In proposito Moscherini ha esternato la volontà di presentare una lista ‘‘Rinascimento’’ quale conferma di un accordo culturale e politico con Sgarbi. Per il momento si sa che con Moscherini si candidano alla carica di consigliere Marco Calisti, e con molta probabilità anche Giovanni Guarisco. Sostegno a Moscherini da parte di alcuni imprenditori di Tarquinia come Riccardo Bicchierini ed Enrico Benedetti.

Il Movimento Cinque Stelle candida a sindaco il professor Ernesto Cesarini, che già nel 2012 si era presentato alla carica di sindaco con la lista civica ‘’Spazio Aperto’’. Al momento si sa che in lista con Cesarini si candida a consigliere il battagliero Marco Tosoni, del Comitato per il diritto alla Mobilità di Tarquinia.

Dulcis in fundo un’aspirante sindaco donna, Isabella Alessandrucci, sostenuta dalla lista civica ‘‘Una Primavera per Tarquinia’’: un progetto partito per dare vita alla bozza di nuovo statuto comunale e poi sfociato nella creazione di una lista civica. Tramite la candidata sindaco Isabella Alessandrucci, ‘‘Una Primavera per Tarquinia’’ ha reso noto di aver depositato in Comune, già ieri mattina intorno alle 10, tutta la documentazione necessaria per concorrere alle prossime elezioni amministrative. Per le ufficialità e per esaudire la curiosità di molti mancano poche ore. (F.F.)

ULTIME NEWS