Pubblicato il

Edilizia, i sindacati: “Mancano risorse ed un progetto concreto”

Edilizia, i sindacati: “Mancano risorse ed un progetto concreto”

Dura critica dei rappresentanti Feneal Uil Roma, Filca Cisl Roma, Fillea Cgil Roma e Lazio, a seguito dell’incontro con l’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica del comune di Civitavecchia. Ceccarelli: “Resta la ferma intenzione di rimettere in moto tutto”

CIVITAVECCHIA – “Mancano risorse ed un progetto concreto a breve termine per l’edilizia cittadina, ormai allo stremo, oltre ad una visione d’insieme sull’infrastrutturazione e la modernizzazione della città da parte dell’amministrazione comunale”. Lo dichiarano in una nota i sindacati territoriali dell’edilizia Feneal Uil Roma, Filca Cisl Roma, Fillea Cgil Roma e Lazio, a seguito dell’incontro con l’assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica del comune di Civitavecchia, Alessandro Ceccarelli.

Le sigle non sono soddisfatte da quanto uscito fuori nel corso dei lavori e giudicano l’amministrazione a Cinque stelle “poco consapevole del fatto che l’edilizia rappresenti, ed abbia sempre rappresentato, un potente volano anticiclico per l’economia”.

Parole dure quelle dei sindacati che giudicano insufficienti i temi emersi dall’incontro, nel corso del quale speravano di “avviare almeno a soluzione i problemi tecnici e le pastoie burocratiche che di fatto bloccano investimenti Ater per 20 milioni di euro”.

“Il rilancio del settore passa da progetti ed opere sostenibili cantierabili a breve termine e da celeri iter procedurali per le pratiche urbanistiche, non da dichiarazioni d’intenti – dichiarano Massimo Fiorucci della Feneal Uil di Roma, Diego Bottacchiari della Filca Cisl di Roma, Carlo Proietti della Fillea Cgil Roma e Lazio  – dobbiamo purtroppo constatare che l’Amministrazione comunale, certamente gravata da esigue risorse disponibili, non ha probabilmente ancora compreso la profondità della crisi in cui versa il settore”.

I rappresentanti dei sindacati plaudono all’impegno dei pentastellati “sui temi della legalità e della sicurezza sul lavoro, assieme alla trattativa per la riqualificazione dell’area Italcementi ed alla disponibilità per la programmazione di interventi a breve sull’edilizia scolastica di competenza, ma resta insoluto il nodo dei cantieri da avviare. In città di fatto tutto è fermo. Sollecitiamo – concludono – dunque la rapida composizione di un tavolo tecnico con le parti sociali su investimenti Ater, riqualificazione area Italcementi ed edilizia scolastica”.

L’assessore Ceccarelli ha però dichiarato: “Resta la ferma intenzione di rimettere in moto tutto. Ci sono alcune cose che bollono in pentola, ad esempio tutte le opere previste nel piano triennale come via Betti o i piani di zona 10 e 11. Certo, non sono cose che risolvono la vita ad una persona ma possono aiutare – ha concluso – i tempi però restano lunghi”.  

ULTIME NEWS