Pubblicato il

Sottopasso Valdambrini, si cercano soluzioni per l’ampliamento

Sottopasso Valdambrini, si cercano soluzioni per l’ampliamento

Niente fondi al Comune. Solo le Fs possono intervenire

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Si ferma il progetto per la realizzazione dell’ampliamento del sottopasso ferroviario del quartiere Valdambrini. Dopo l’approvazione da parte del Comune della convenzione con le Ferrovie dello Stato, e la concessione da parte della Cassa depositi e prestiti del mutuo richiesto per realizzare l’opera, è giunta in questi giorni la doccia fredda da parte dello stesso ente erogatore del prestito in quanto non è consentito per un ente locale procedere alla ristrutturazione di un bene di proprietà di un altro ente. Infatti il sottopasso di via Valdambrini fa parte delle strutture nella disponibilità delle Ferrovia dello Stato e quindi potranno essere solo le stesse Ferrovie a procedere alla realizzazione del ponte. “Cercheremo un’altra strada per raggiungere lo stesso obiettivo – commenta l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Bronzolino – cioè avere un fondo erogato dalla regione che noi utilizzeremo per ristrutturare il sottopasso e contemporaneamente trovare un accordo con le Ferrovie dello Stato di avere ij comodato il ponte stesso per 99 anni per poi cederlo al nostro Comune”. E pensare che pochi mesi fa lo stesso assessore aveva concordato con le Fs alcuni punti salienti sulle modalità di realizzazione dell’opera e, per la prima volta, è stata stabilita la cessione a titolo simbolico di 1.200 euro per 500 metri quadrati di area di proprietà delle ferrovie, che saranno utili per la realizzazione della terza corsia di collegamento tra via Valdambrini e via delle Colonie”. “Dopo un lungo viaggio che abbiamo dovuto fare negli uffici regionali e provinciale e degli altri enti sovra comunali – continua Bronzolino – siamo riusciti ad ottenere tutti i nulla osta. Manca solo definizione della variante urbanistica che in questi giorni è al vaglio della Città Metropolitana. Se ci avessero concesso il mutuo, avremmo potuto procedere al progetto esecutivo e quindi far partire le pratiche per l’indizione della gara di appalto. Mi preme ricordare che siamo riusciti, grazie alla convenzione con le ferrovie, di poter risparmiare un milione di euro sui costi previsti per il rallentamento dei treni, in quella tratta, durante i lavori di ampliamento del sottopasso”. “La sistemazione del ponte – conclude l’assessore – che abbiamo inserito all’interno del nostro programma elettorale, è considerata un’opera essenziale per il miglioramento della viabilità cittadina, in particolare per il quartiere Valdambrini. E per questo motivo stiamo portando avanti il relativo progetto congiuntamente ai responsabili delle Ferrovie dello Stato, per garantire il minor disagio possibile nell’area e nella durata del cantiere e far si che l’opera sia realizzata in modo impeccabile”.

ULTIME NEWS