Pubblicato il

Trasversale, le associazioni ambientaliste e il Comitato per la mobilità chiedono un’audizione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Già inviata una relazione che sintetizza quanto contestato dal 2015 ad oggi  

Già inviata una relazione che sintetizza quanto contestato dal 2015 ad oggi  

TARQUINIA – Trasversale SS 675 Monte Romano Est-Civitavecchia: le associazioni ambientaliste e il Comitato per il diritto alla mobilità di Tarquinia chiedono un’audizione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dopo il parere negativo della CTVia la decisione finale sulla trasversale è stata deferita al Consiglio dei Ministri. Il DICA-Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo è incaricato di avviare un’istruttoria al termine della quale sottoporrà quanto emerso all’esame del Consiglio dei Ministri che poi delibererà al riguardo. «Nonostante il verdetto impietoso del Ministero dell’Ambiente che boccia il tracciato verde, sarà la politica a decidere. –sostengono- Questa occasione ha improvvisamente risvegliato tutta la politica del territorio e nazionale che da mesi auspica l’approvazione del progetto preliminare. Dietro l’appoggio incondizionato a questo progetto probabilmente c’è solo un generico sostegno in nome di un non meglio specificato ‘sviluppo del territorio’. Poco importa dove passerà il tracciato, poco importa che si sia arrivati alla progettazione del tracciato nella valle del Mignone perché low cost». «Abbiamo appreso che una delegazione dell’Area Orlando del PD si recherà presso il Ministero delle Infrastrutture e verrà istruita sull’argomento dall’Anas in persona. A questi coraggiosi esponenti della politica chiediamo invece di confrontarsi allo stesso modo con i cittadini, le associazioni ed i comitati che hanno realmente studiato le numerosissime pagine ed elaborati del progetto Anas. Se la delibera del Consiglio dei Ministri sarà l’ultimo atto di questa vicenda, noi vogliamo che tenga conto anche del parere di chi si è occupato, non da oggi ma da anni. Per queste ragioni abbiamo inviato al DICA della Presidenza del Consiglio una relazione sul progetto di Anas che sintetizza quanto esaminato e contestato dal 2015 ad oggi». (F. F.)

ULTIME NEWS