Pubblicato il

"Aeroporto, l’ipocrisia del Pd è evidente"

"Aeroporto, l’ipocrisia del Pd è evidente"

Fiumicino. "Il governo spinge per il raddoppio. E a noi il masterplan è arrivato 3 giorni prima del Consiglio". L’opposizione "Non è così che si fa quadrato"

FIUMICINO – «La salute di ogni singolo cittadino va garantita a ogni costo. Su questo non ci piove. Anche perché noi stessi viviamo a Fiumicino, e lo stesso i nostri figli. Ma non è così che si fa quadrato». Lo dichiarano i consiglieri comunali Gonnelli, De Vecchis, Poggio, Biselli, Picciano.
«Una delibera – proseguono i consiglieri – tanto importante, come la Valutazione di Impatto Ambientale del Masterplan aeroportuale, non può essere consegnata tre giorni prima del consiglio comunale (il 22 maggio alle 17.30 via email).
Magari se qualcuno ce l’avesse chiesto avremmo potuto dare il nostro apporto, migliorare alcuni aspetti lacunosi della delibera approvata oggi, svolgere il nostro compito mettendo sul tavolo idee e proposte. Invece nulla.
Anche perché tutti questi splendidi impegni, così come sono stati inseriti nella delibera, rischiano di essere poca roba di fronte a una decisione ormai già presa e senza più ritorno, quella del Pd nazionale e dei Governi Renzi-Del Rio-Gentiloni di procedere al raddoppio dell’aeroporto. Nessuno dimentichi che il nodo della questione risale a 20 anni fa: alla svendita da parte del Governo Prodi dei terreni della Maccarese agli stessi azionisti aeroportuali e la rinuncia al diritto di prelazione sugli stessi terreni, allora di proprietà dello Stato, da parte di enti pubblici come Comune di Fiumicino, Regione e Provincia, all’epoca guidate dal centrosinistra.
La questione aeroportuale è complessa. La deregolamentazione del mercato, amplificata dal Job’s Act del Governo Renzi, non aiuta. Il precariato la fa da padrone. L’esternalizzazione dei servizi è ormai una routine. La questione Alitalia un boomerang che rischia di minare la stabilità di migliaia di famiglie. Qui o ci si mette in testa di occuparsene sul serio o delle delibere dal basso peso specifico e delle semplici dichiarazioni a mezzo stampa i cittadini non sanno ormai più che farsene.

ULTIME NEWS