Pubblicato il

Ladispoli, fosso Vaccina: impegnati 10mila euro per i rilievi

LADISPOLI – Ancora non c’è una data entro la quale il ponte sul fosso Vaccina potrà essere riaperto al pubblico. Il ponte aveva subito danni particolarmente ingenti dal tornado del 6 novembre e, transennato per alcune settimane, era stato formalmente interdetto al passaggio pedonale con un’ordinanza del sindaco Paliotta del 21 marzo scorso.
«A fine mese dovremmo essere in grado di restituire il ponte alla fruibilità dei pedoni”, aveva annunciato l’assessore ai lavori pubblici Marco Pierini dopo che una nuova ordinanza sindacale aveva chiesto all’ufficio tecnico comunale “di intraprendere tutte le azioni necessarie al tempestivo ripristino del passaggio sulla passerella pedonale sul fosso Vaccino». Ma al momento, prima della riapertura del passaggio, sembra siano ancora necessarie diverse verifiche tecniche. E’ di ieri, infatti, l’atto con cui vengono impegnati circa 10 mila euro per conferire a due professionisti esterni all’organico dell’ente, l’arch. Farinelli e l’ing. Rossi, l’incarico di effettuare i rilievi e le valutazioni tecniche del caso, volti alla verifica strutturale del manufatto e alla modellazione di soluzioni idonee a ripristinarne la piena funzionalità.  Il disciplinare prevede che i due professionisti svolgano l’incarico di “progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza dei lavori contingibili ed urgenti finalizzati alla messa in sicurezza e riapertura al transito della passerella”.  Al momento non vi sarebbe copertura finanziaria nel bilancio di previsione, ma il corrispettivo netto di 8 mila euro più Iva e contributi previdenziali sarà comunque impegnato sul fondo per la progettazione visto il carattere di urgenza e contingibilità del provvedimento del sindaco.

ULTIME NEWS