Pubblicato il

''La Clementina merita più attenzione''

''La Clementina merita più attenzione''

Residenti e commercianti hanno ascoltato le proposte di Isabella Alessandrucci di ‘‘Una Primavera per Tarquinia’’

TARQUINIA – Continuano gli incontri con i cittadini di ‘‘Una Primavera per Tarquinia’’. I residenti ed i commercianti della Clementina hanno ascoltato con molto interesse le proposte che partono dalla considerazione che questo luogo è uno degli ingressi più importanti della città e merita particolare attenzione, non soltanto localmente ed in prossimità delle attività commerciali, ma già a partire dall’incrocio tra la SS1bis e la Provinciale detta “Montarozzi”.

«Questo asse viario, versa in condizioni disastrose, le banchine invase dalla vegetazione rendono pericolosi i numerosi incroci a raso e nascondono quasi totalmente la segnaletica per non parlare dello stato del manto stradale. – hanno spiegato i rappresentanti del movimento – É questo il benvenuto che viene dato al visitatore. Urge un intervento in tal senso, mirato alla pulizia delle cunette ed alla valorizzazione delle alberature, anche quelle spontanee, che andrebbero curate ed integrate, fino alla manutenzione della sede stradale e della segnaletica».

Altro tema, il percorso pedonale che collegava il paese al cimitero. A tal proposito è stata accolta positivamente la proposta di ‘‘Una Primavera per Tarquinia’’ che intende, mediante un accordo con la Soprintendenza per i Beni Archeologici, aprire il “Parco Archeologico” al libero accesso dei cittadini e dei visitatori durante il giorno, mantenendo chiaramente, l’ingresso a pagamento a quanti intendano visitare le tombe ipogee della Necropoli. Questo consentirebbe di avere un percorso pedonale panoramico, non più lungo la strada, bensì all’interno del parco. Venendo poi alle esigenze dei residenti e dei commercianti, si è proposto di studiare un nuovo assetto dell’area del distributore carburanti. Il prossimo incontro, giovedì 1 giugno alle ore 18 presso l’agriturismo “Bagaglia” per parlare di territorio e agricoltura. (F.F.)

ULTIME NEWS