Pubblicato il

Gianni Quaranta presenta il progetto di riqualificazione del centro storico

CERVETERI – Ieri mattina alle 11 presso la sala della Vecchia Locanda del Cavallino Bianco a piazza Risorgimento, il Principe Sforza Ruspoli ha presentato a non molti ma attenti e curiosi cittadini Gianni Quaranta che ha illustrato il suo progetto per la riqualificazione del centro storico della città. Chi è Gianni Quaranta? Bene , è una delle eccellenze che il mondo intero ci invidia. Premio  Oscar per la scenografia, regista costumista, designer, premiato per l’arredamento del film «Gesù di Nazareth» col «Nastro d’argento» Gianni Quaranta, ha creato le scenografie di famosi film diretti dai  più grandi registi del mondo, a cominciare da Franco Zeffirelli, nonché  curato con il suo talento la messa in scena delle opere liriche più celebrate, sia alla Scala che nei più rinomati teatri italiani e stranieri.  Impossibile citare gli innumerevoli successi conseguiti nell’allestimento di grandi mostre e di rilevanti eventi. E’ stato inoltre responsabile artistico  di importanti industrie nazionali, conferendo all’Italia con la sua creatività un prestigio internazionale nel campo delle arti. L’idea di interessare Gianni Quaranta a progettare una ipotesi di riqualificazione del centro storico è stata dell’associazione Principato di Cerveteri e  del Comitato del Centro Storico presieduti da Ugo Ricci. Questi hanno sollecitato il Principe Sforza Ruspoli che condividendo con loro la necessità, ha interessato Gianni Quaranta, il quale, con entusiasmo si mette al lavoro , appronta il progetto che nel 2014 supera l’approvazione del comune, sindaco Pascucci e delle Belle Arti. Da allora è rimasto “chiuso nel cassetto” afferma Ruspoli. Un progetto a costo zero per il comune per l’intervento della fondazione Roma che guiderebbe una cordata di sponsor privati. «Risveglierebbe il borgo e riaprirebbero le botteghe artigiane  creando grande attrazione per i turisti. Si armonizzerebbe il contesto e la fontana della piazza, spostata al centro diventerebbe una struttura teatrale nel periodo estivo per farne un grande centro di cultura». Tanto afferma Quaranta sicuro di quello che dice. (To. Mo.)

ULTIME NEWS