Pubblicato il

In corso il progetto ‘‘Attraversamenti Etruschi’’: un connubio tra arredo urbano e street art

CERVETERI – Da alcuni giorni ha preso il via il progetto ‘’Attraversamenti Etruschi’’ che  si propone come connubio tra arredo urbano e street art, con l’obiettivo principale di amplificare la visibilità dei passaggi pedonali agli automobilisti, ma si rivolge anche ai pedoni sempre più indisciplinati, che incuriositi dall’intervento, saranno richiamati ad attraversare la carreggiata stradale sulle strisce pedonali trasformate in “opere d’arte”, calpestandole. Il progetto prevede un primo intervento per l’attraversamento di piazza Aldo Moro, in prossimità del centro storico della città e del Museo Archeologico, ma sarà esteso alle strisce pedonali situate nei pressi degli edifici scolatici del territorio. Le decorazioni dipinte sull’asfalto sono state eseguite dal professor Roberto Cortignani, aspirante consigliere nella lista ‘‘La voce dei consumatori’’ a sostegno di Pascucci sindaco, ideatore del progetto, coadiuvato da alcuni giovani studenti dell’Isis di Cerveteri “Enrico Mattei”. Tutti hanno prestato la loro opera a titolo volontario, mentre il Comune di Cerveteri, ha contribuito per la copertura delle spese dei materiali. «Il rispetto delle strisce pedonali per la salvaguardia dei pedoni negli attraversamenti – dice Cortignani –  è uno dei compiti delle pubbliche amministrazioni ed il Comune di Cerveteri sarà il primo in Italia a coniugare la sicurezza stradale con l’amore e la sensibilità per il suo territorio, con i segni della sua millenaria cultura e della sua storia. Le strisce pedonali saranno intervallate da forme geometriche che raffigureranno i principali motivi decorativi dipinti sui vasi, dagli artigiani delle botteghe etrusche e greche, motivi quali greche, losanghe, meandri, scacchi, svastiche, ovoli, denti di lupo, palmette, ecc., così, nell’intento di migliorare la sicurezza stradale, verrà ricordato a tutti, che siamo in territorio etrusco, un luogo ricco di storia antica da valorizzare». «I turisti apprezzando il gusto artistico del bel paese – conclude Cortignani –  saranno presi per mano ed invitati a visitare il vicino museo etrusco, mentre la comunità locale sarà di nuovo sensibilizzata ed avvicinata all’amore per il proprio patrimonio archeologico».

ULTIME NEWS