Pubblicato il

Comunali, proclamato lo stato di agitazione

Comunali, proclamato lo stato di agitazione

I sindacati spiegano di non aver ancora ricevuto risposta alla richiesta di incontro del 21 maggio. Cinque giorni di tempo all'amministrazione per convocare le organizzazioni 

CIVITAVECCHIA – Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl e la Rsu proclamano lo stato di agitazione di tutto il personale dipendente del Comune di Civitavecchia.

Le organizzazioni sindacali spiegano di non aver ancora ricevuto risposta alla richiesta d’incontro inoltrata all’amministrazione comunale del 21maggio scorso. L’incontro avrebbe dovuto affrontare il tema della riorganizzazione dell’ente, come le funzioni omogenee della struttura e l’istituzione dei contesti delle posizioni organizzative prossime alla scadenza. Un tavolo di negoziazione per parlare della modifica del regolamento sulle posizioni organizzative, della sospensione della delibera di giunta numero 34-2017 “adottata in palese violazione dell’articolo 5, commi 2 e 3 – si legge nella nota dei sindacati – del contratto collettivo integrativo del 20 – 02 – 2017” ed altro. Ad oggi però le sigle non hanno ancora ricevuto nessuna nota di riscontro e giudicano la misura colma. 

Viene quindi proclamato lo stato di agitazione per tutti i dipendenti con la richiesta “di avvio – proseguono i sindacati – di avvio della procedura del raffreddamento del conflitto”, specificando un termine massimo di cinque giorni per una convocazione da parte dell’amministrazione pentastellata.

Ma Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl e la Rsu proseguono dure e preannunciano che, nel caso la fase di raffreddamento non funzionasse, saranno costrette ad avviare “la procedura del tentativo di conciliazione tra le parti davanti Ase Prefetto della Provincia di Roma”.

ULTIME NEWS