Pubblicato il

Weekend di rifiuti e maleducazione sulle spiagge e Torre Flavia

Weekend di rifiuti e maleducazione sulle spiagge e Torre Flavia

LADISPOLI – Nel lungo weekend iniziato venerdì  2 giugno da Roma sono affluite sulle spiagge di Ladispoli migliaia di persone. A beneficiarne le attività commerciali del territorio, specie sul lungomare, dove ieri per trovare parcheggio nelle ore clou serviva un miracolo. 
Eppure, insieme ai turisti, nei punti di interesse di Ladispoli è spuntato immancabilmente anche il consueto degrado. In particolare davanti alla pregiata palude di Torre Flavia, proprio nel passaggio di accesso al Monumento Naturale, sono state depositate decine di sacchi dell’immondizia a formare una piccola discarica a cielo aperto accanto alla pensilina di legno. I cittadini, affezionati alla Torre e allarmati dal fatto che negli interstizi della struttura medievale siano stati gettati nei giorni scorsi resti di cibo e altra immondizia, hanno postato sui social decine di foto accompagnate da commenti di indignazione.
Nel frattempo anche i cestini di alcune piazze di Ladispoli sono stati presi d’assalto dai turisti come se fossero dei cassonetti in grado di contenere intere buste di rifiuti. Piazza Domitilla, tra le più facilmente raggiungibili dalle spiagge di Via Roma, è stata forse la piazza più deturpata con cestini completamente circondati di bottiglie di birra e rifiuti di vario genere. 
Eppure l’amministrazione assicura che è ancora attivo il servizio di isola ecologica alle entrate nord e sud di Ladispoli, dove ogni sabato e domenica, dalle 17:00 in poi, turisti e i proprietari di seconda casa possono conferire i propri rifiuti, già differenziati o indifferenziati, coadiuvati dagli operai della ditta Massimi. Una possibilità offerta sia per venire incontro a chi si trova a Ladispoli di passaggio sia per evitare di assistere a scene come quelle testimoniate dalle immagini della serata di domenica.

ULTIME NEWS