Pubblicato il

Marta Grande a Bronzolino: "Nessuna scuola di Civitavecchia nelle condizioni della Carducci"

Marta Grande a Bronzolino: "Nessuna scuola di Civitavecchia nelle condizioni della Carducci"

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – Risponde stizzita, la deputata del Movimento Cinque Stelle Marta Grande, alle considerazioni esternate dall’assessore Raffaele Bronzolino, che aveva accusato la parlamentare di essersi preoccupata delle condizioni in cui versava la scuola media Carducci, senza andare però a guardare come stavano invece i plessi scolastici di Civitavecchia.

«Leggo, non senza una nota di stupore – dice l’onorevole Marta Grande – le affermazioni dell’assessore Bronzolino, in cui compaiono una serie di inesattezze e di falsità palesi che, come si suol dire, pongono il morto sulla bara ed evidenziano in tutta chiarezza le responsabilità dell’amministrazione. Evidentemente il M5S , facendo luce sulla questione dell’istituto scolastico Carducci che, fra l’altro, è stato attenzionato anche dalla trasmissione di Rai 3 Carta Bianca, ha fastidiosamente infilato il dito nella piaga. Senza voler dare adito ad alcuna polemica, ci sembra che le accuse che vengono mosse tanto alla sottoscritta quanto al movimento siano, oltre che il frutto di un palese risentimento da parte di chi ha accusato il colpo, prive di ogni fondamento. Voglio premettere che il ruolo di un rappresentante dei cittadini in Parlamento, non è propriamente quello di un commesso viaggiatore che visita le città del proprio territorio estemporaneamente, ma piuttosto prevede la necessità di rappresentare le persone e le comunità e rendersi disponibile ogni qualvolta sia necessario, compito che ritengo di aver eseguito col massimo zelo, proprio come nel caso di Santa Marinella. Tra l’altro, se l’assessore si fosse preso la bega di confrontarsi col primo cittadino prima di sparare a zero, magari avrebbe saputo per tempo che nei giorni dell’alluvione, fui io paradossalmente a cercare il Sindaco di Santa Marinella e non il contrario e che, per quanto mi misi al completo servizio dell’amministrazione per fronteggiare l’emergenza e nonostante svariati solleciti, la mia disponibilità venne ignorata».

«Fa sorridere, sia pure amaramente – continua Marta Grande – l’affermazione con cui si tenta in modo del tutto vano, sia chiaro di addossare a presunti vandali le responsabilità delle condizioni in cui versa un istituto, che somiglia di più ad un edificio appena bombardato che ad una scuola di un moderno Paese europeo. Perciò, non si cerchi di rimbalzare le accuse, nessuna scuola di Civitavecchia può neanche lontanamente essere paragonata, purtroppo per i ragazzi santamarinellesi, alla Carducci, ne la colpa può essere addossata a sporadici episodi di vandalismo, perché il vero problema è che l’amministrazione non è stata all’altezza di fronteggiare la situazione e di questo dovrebbe scusarsi con i propri cittadini, piuttosto che attaccare il M5S”. «Qualche volta – conclude la deputata – quando si hanno colpe evidenti, sarebbe più saggio fare autocritica ed assumersi le proprie responsabilità, almeno per evitare brutte figure». 

ULTIME NEWS