Pubblicato il

Ladispoli: quattro candidati escono dal Comitato Legalità

LADISPOLI – Passate le elezioni gruppi e movimenti tirano le somme su quello che è stata la campagna elettorale ed i risultati ottenuti.
Tra questi vi è certamente anche il Progetto Legalità di Giuseppe Corbo.
La fuoriuscita dalla corsa per la poltrona da sindaco, di fatti, non deve essere piaciuta ad alcuni candidati consiglieri,  ossia Alessandro Lombardo, Sabrina Bruni, Danilo marino e Barbara Franco che hanno deciso di lasciare il progetto.
«In coerenza e nel rispetto degli ideali condivisi inizialmente, ideali che hanno determinato l’adesione convinta alla lista civica ed apartitica “Progetto Legalità”» i candidati hanno ufficializzato la loro fuoriuscita da detto movimento politico, «assumendo, pertanto, rispetto ad esso e per la prossima attività politica, una posizione di piena libertà ed autonomia».
«Invitiamo, pertanto, il rappresentante in pectore di detta Organizzazione, o chi per lui – continuano i quattro – a non utilizzare oltre i nostri nomi e la rappresentatività dei nostri elettori, della quale abbiamo la responsabilità e l’onore di essere portatori».
«Tale decisione, ponderata ma non sofferta – continuano i candidati –  è stata assunta con unanimità d’intenti, a causa di un’ inconciliabile disaccordo e dell’inaccettabilità della linea politica indicata ed assunta da altra parte del “Progetto”, successivamente alle elezioni dell’11 giugno u.s., e pure in assenza di un confronto democratico, in cui poter liberamente esprimere la propria posizione; ciò ha comportato il venir meno dei presupposti iniziali, determinando, nei fatti, una distanza non sanabile».
«Per quanto sopra, in piena autonomia e relativamente all’attuale, contingente, panorama politico – concludono i quattro – gli scriventi comunicano il loro convinto appoggio e pieno sostegno alla subentrante smministrazione comunale del neo sindaco Alessandro Grando, desiderando per la nostra città una prospettiva realisticamente diversa da quella passata ed in linea con una reale discontinuità».

ULTIME NEWS