Pubblicato il

Polizia, Nicola Regna si presenta: "Porte spalancate ai cittadini"

Polizia, Nicola Regna si presenta: "Porte spalancate ai cittadini"

Il nuovo dirigente del commissariato ringrazia il Questore Marino per la fiducia accordata. "La nostra priorità è la sicurezza della gente. Tutti gli uffici per lavorare bene devono marciare a un livello uguale e costante, per chi ha un problema viale della Vittoria sarà una seconda casa". VIDEO

CIVITAVECCHIA – È arrivato da una decina di giorni, ma ha già messo a fuoco la realtà locale: prevenzione e vicinanza alla gente sono i suoi punti fermi. Nicola Regna è il nuovo dirigente del commissariato di Civitavecchia, l’uomo scelto dall’amministrazione della Polizia di Stato per dare un input ancora maggiore alle attività che il personale porta avanti da sempre con zelo e dedizione sul territorio. È di Ostia, è sposato è ha due figli. Il modo impeccabile in cui porta la divisa fa trasparire chiaramente il suo vivere in simbiosi con la Polizia: la ama e ne rispetta i principi e gli insegnamenti da trent’anni.

«Ringrazio l’amministrazione per l’opportunità che mi ha dato –  ha affermato – qui a Civitavecchia ho trovato collaboratori molto professionali, personale volenteroso, con tanta voglia di fare che deve sempre caratterizzare il nostro servizio. Per me è il terzo ritorno alla Questura di Roma, sono grato al Questore Guido Marino per la fiducia che mi ha accordato e che mi impegnerò a ricambiare con la massima dedizione al servizio che mi viene richiesto». Il dottor Regna non viene dal nulla, ha già fatto ‘‘commissariato’’, in prima linea a Tor Carbone (Roma) dove ha toccato con mano e affrontato problemi sociali rilevanti. In passato si è anche occupato del reparto scorte, ma la sua specialità è l’ordine pubblico, una materia che per lui non ha segreti, avendo tra l’altro fondato il Reparto Mobile di Senigallia. «Inizio con tranquillità questa nuova avventura – ha aggiunto il primo dirigente della Polizia di Stato, che nei giorni scorsi ha già avuto modo di incontrare le istituzioni locali e i vertici delle altre forze di polizia  – con i Carabinieri, ad esempio, esiste già una sinergia soprattutto per quanto riguarda gli eventi e le iniziative pubbliche da seguire in questi mesi, anche alla luce delle nuove direttive. Il territorio è vaso, c’è tanto da fare».  

Di puntare su un ufficio anziché su un altro il dottor Nicola Regna neppure vuole sentire parlare: «Se vogliamo far funzionare la macchina – ha spiegato il dirigente del commissariato – e dare ai cittadini la percezione concreta di sicurezza, tutti gli elementi che la compongono devono marciare a un livello uguale e costante. Nessun input maggiore a un’attività piuttosto che a un’altra: polizia giudiziaria, controllo del territorio, polizia amministrativa ecc. compongono il ‘‘sistema sicurezza’’, tutto è sinergico e integrato in un unico fluido volto a garantire la sicurezza con la ‘‘s’’ maiuscola».

Ma la vera priorità del dottor Nicola Regna è la gente: «Prego tutti i cittadini di vedere questo palazzo di viale della Vittoria come la loro seconda casa –  ha detto – vengano qui con la certezza di essere accolti e compresi in ogni problema che loro manifesteranno. Ho sempre ricevuto i cittadini e continuerò a farlo – ha fatto sapere Regna – vengano tutti tranquillamente da me ad esporre le loro cose. La Polizia è al servizio del cittadino e questo non è solo uno slogan. La gente di Civitavecchia e dei comuni limitrofi troverà da noi sempre qualcuno, personale molto professionale in grado di dare le giuste indicazioni».
Fa.Mar.

VIDEO

ULTIME NEWS