Pubblicato il

''Impianti sportivi, bisogna riportare la correttezza''

''Impianti sportivi, bisogna riportare la correttezza''

Il neo delegato allo Sport Stefano Zacchini ricostruisce i fatti relativi alla sua visita presso la palestra di pugilato di viale Bruschi Falgari. «Ho chiesto chi aveva staccato dal ring uno striscione che riportava il nome dell’Asd Angelo Jacopucci»

TARQUINIA – «É una polemica sterile che rispedisco con decisione al mittente».

Questo il secco commento del consigliere comunale di Tarquinia Stefano Zacchini, da pochi giorni in carica con la delega allo Sport.

L’esponente politico del gruppo Rinnova che fa capo a Manuel Catini, interviene sulla questione della sua visita alla palestra di pugilato di viale Bruschi Falgari, dopo che su un giornale on line è stata pubblicata una ricostruzione dei fatti a suo dire «assolutamente lontana dalla realtà».

Il giornale on line definisce Zacchini come un ‘’vendicatore seriale’’ parlando di un tentativo del neo delegato di «anticipare una cacciata repentina di una delle storiche e prestigiose associazioni pugilistiche da una palestra, perché rea di colpe risibili». Del tutto diversa la posizione del neo delegato.

«Giovedì pomeriggio – spiega infatti Stefano Zacchini – su disposizione del Sindaco Pietro Mencarini, mi sono recato all’interno della palestra di pugilato. Sono entrato educatamente come è mio stile e ho avuto un colloquio con i responsabili della società sportiva ‘’Cosmo Boxe’’». «Ho chiesto – aggiunge Zacchini – in particolare, chi aveva staccato dal ring uno striscione che riportava il nome dell’Asd Angelo Jacopucci, associazione intitolata al grande campione tarquiniese tragicamente scomparso nel 1978. I dirigenti della società sportiva hanno dato la loro versione dei fatti e io, pur non condividendo, sempre in maniera serena ed educata, li ho invitati ad un incontro con il sindaco e i dirigenti dell’altra società pugilistica, al fine di armonizzare l’utilizzo dell’impianto sportivo».

«Poi – prosegue Zacchini – con grande sorpresa, ho letto su un giornale on line una versione assolutamente inesatta della mia visita all’impianto». «Sono sorpreso e amareggiato e rispedisco con forza al mittente questa ricostruzione giornalistica – conclude il delegato Stefano Zacchini – Capisco che la nostra azione possa dare fastidio a qualcuno, ma assieme al sindaco Pietro Mencarini vogliamo riportare la correttezza in ogni ambito della vita comunale, anche nell’utilizzo degli impianti sportivi, perché tutti devono avere le stesse possibilità».

ULTIME NEWS