Pubblicato il

Migranti, il centrodestra: "Non abbassiamo la guardia"

I rappresentanti di Cuori Italiani, Forza Civitavecchia, Forza Italia, Fratelli d'Italia-An, La Svolta e Noi con Salvini prendono atto delle dichiarazioni del prefetto Morcone e dicono: "Bene il dietrofront del Viminale sugli sbarchi a Civitavecchia, dopo le nostre iniziative; ma noi continueremo a vigilare" 

I rappresentanti di Cuori Italiani, Forza Civitavecchia, Forza Italia, Fratelli d'Italia-An, La Svolta e Noi con Salvini prendono atto delle dichiarazioni del prefetto Morcone e dicono: "Bene il dietrofront del Viminale sugli sbarchi a Civitavecchia, dopo le nostre iniziative; ma noi continueremo a vigilare" 

CIVITAVECCHIA – “La Prefettura fa dietrofront, ma noi continueremo a vigilare affinché non ci siano sbarchi di migranti al porto di Civitavecchia”. Lo assicurano i rappresentanti di Cuori Italiani, Forza Civitavecchia, Forza Italia, Fratelli d’Italia-An, La Svolta e Noi con Salvini all’indomani della manifestazione di ieri e delle recenti dichiarazioni del prefetto Morcone circa il fatto che “il Ministero dell’Interno non abbia mai preso in considerazione l’ipotesi di fare della banchina 28 del porto di Civitavecchia”.

Ribadiscono che non abbasseranno la guardia, “perchè è evidente che il Governo debba giustificare la propria retromarcia, dopo il sopralluogo in banchina di venerdì scorso durante il quale la Prefettura aveva già dato precise indicazioni operative – hanno aggiunto – tanto da zittire anche le deboli e inefficaci obiezioni del sindaco Cozzolino, e dopo la mobilitazione dei cittadini e delle forze di centrodestra che sono intervenute a tutti i livelli politici e istituzionali per scongiurare il verificarsi di una situazione che sarebbe stata dannosa per il porto e la città di Civitavecchia e per gli stessi migranti che sarebbero stati sbattuti per giorni su una banchina a 45 gradi all’ombra. È altrettanto evidente che se si fosse creato il precedente di un solo sbarco, le condizioni di emergenza avrebbero poi legittimato l’arrivo di una seconda nave, di una terza e così via, facendo, di fatto, del porto di Civitavecchia un hotspot per il Lazio”.

Secondo gli esponenti del centrodestra, invece, il Ministero degli Interni, dopo aver riconsiderato evidentemente l’intero quadro che si sarebbe creato, ha dovuto dichiarare che non vi saranno arrivi di migranti nel porto di Civitavecchia. “Né oggi, né in futuro aggiungiamo noi – hanno sottolineato – si deve prendere atto che per tutte le motivazioni già più volte espresse, il porto di Civitavecchia è incompatibile con qualsiasi tipo di sbarco di migranti. La manifestazione pubblica di ieri all’arena Pincio, aperta a tutti e per il cui esito e partecipazione di rappresentanti istituzionali e di semplici cittadini esprimiamo grande soddisfazione, così come per quella di Matteo Salvini a viale Garibaldi, ha così consentito di raggiungere due obiettivi: quello di bloccare gli sbarchi di migranti al porto di Civitavecchia e quello di far ritrovare al centrodestra quella unità di intenti nel rappresentare le istanze dei cittadini che mancava da tempo e che in futuro – hanno concluso – consentirà a tutta l’area di centrodestra di fornire risposte concrete ai numerosi problemi che attanagliano Civitavecchia e che l’amministrazione Cozzolino è incapace di affrontare e risolvere”.

 

ULTIME NEWS