Pubblicato il

Progetto Sprar: Civitavecchia parte da 65 migranti

Progetto Sprar: Civitavecchia parte da 65 migranti

Approvato ieri in giunta il progetto di accoglienza diffusa che porterà a raggiungere la quota dei 194 ospiti previsti. Il vice sindaco Lucernoni: "Ora si aprirà un tavolo tecnico con tutti i soggetti che vorranno partecipare affinché ci sia la massima sinergia possibile"

CIVITAVECCHIA – È stata approvata ieri la delibera di Giunta attraverso la quale il Comune di Civitavecchia ha formalmente aderito al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar), tracciando le linee di indirizzo per la redazione del bando per la gestione del servizio. L’ufficio servizi sociali si occuperà prossimamente di tutti gli atti consequenziali per la selezione del soggetto che vincerà la gestione e della presentazione del  progetto al Ministero dell’Interno entro il 30 settembre.  

“Come deciso dal consiglio comunale – ha spiegato il vice sindaco Daniela Lucernoni – stiamo proseguendo sulla linea dell’accoglienza diffusa. Si è deciso di procedere in maniera graduale per cui il primo progetto prevederà l’inserimento di 65 migranti, preferibilmente famiglie, a cui il soggetto vincitore del bando dovrà fornire i servizi previsti dallo Sprar. Ogni 6 mesi sarà previsto un nuovo inserimento di ulteriori 65 migranti, fino ad arrivare alla quota dei 194 previsti per il Comune di Civitavecchia nel piano di ripartizione nazionale, per effettuare – ha aggiunto – eventuali correttivi che si renderanno necessari dopo la prima esperienza. Ora si aprirà un tavolo tecnico di progettazione con i soggetti del territorio che vorranno partecipare: si cercherà di coinvolgere il più possibile tutte le associazioni locali – ha concluso Lucernoni – affinchè ci sia la massima sinergia possibile fra le realtà che conoscono il nostro territorio e qui operano da tempo”.

L’arrivo di questi primi migranti è atteso orientativamente per i primi mesi del 2018.

ULTIME NEWS