Pubblicato il

Frascarelli: "Fallimento di D'Antò: ha spento anche la nostra estate"

Frascarelli: "Fallimento di D'Antò: ha spento anche la nostra estate"

Il vice coordinatore di Forza Italia: "Resta solo qualche bancarella, alla faccia dei commercianti locali, mentre nel comprensorio ci sono iniziative interessanti da oltre un mese. L'assessore, con i suoi alibi, dimostra solo incompetenza ed incapacità gestionale"

CIVITAVECCHIA – Dura critica, attraverso una amara constataione della situazione, del viceo coordinatore locale di Forza Italia Giancarlo Frascarelli all’amministrazione comunale e in particolare all’assessore Enzo D’Antò. “Per “Aspettando il Palio marinaro” c’è da aspettare. Così pare. – dichiara Frascarelli – Perché del primo evento inserito nello sfavillante cartellone estivo targato D’Anto’, in programma dal 19 luglio, resta solo l’attesa. E la speranza – tutta nostra – che la deprimente desolazione che sta attanagliando la stagione possa essere presto soltanto un brutto ricordo. Quello di un’amministrazione amaramente unica, che per la prima volta nella storia di questa città è riuscita addirittura a spegnere l’estate di fronte ad un comprensorio che brilla, da oltre un mese, per interessanti iniziative destinate ad un pubblico diversificato”.
“A Civitavecchia – prosegue l’azzurro – restano ad oggi qualche bancarella (per la viva gioia dei commercianti locali) ed un pesante alone di tristezza, una sorta di imprinting grillino col quale la città d’incanto sembra assomigliare sempre più a coloro che la guidano. Eppure le cinque stelle incastonate nel simbolo avrebbero dovuto accenderli questi amministratori… Ed invece no. Tutto spento. Intanto l’Orchestra Casadei resta l’unico grande evento del cartellone D’Anto’: forse i grillini sperano che vada tutto…liscio!”.
“Infine – conclude Frascarelli – in relazione alle affermazioni esplicitate dall’assessore D’Antò alla stampa solo un commento: non possiamo berci tali giustificazioni in quanto ledono l’intelligenza di ogni singola persona di questa comunità, conscia del fatto che una programmazione estiva si struttura nei mesi che precedono la stagione. Le quisquilie del sopracitato D’anto dimostrano solo incompetenza ed incapacità gestionale. E a noi cosa rimane?
Girovagar per monti…”.

ULTIME NEWS