Pubblicato il

''Minghella farebbe bene a tacere e dimettersi''

Attacco frontale di Pietro Tidei al delegato al Bilancio

Attacco frontale di Pietro Tidei al delegato al Bilancio

SANTA MARINELLA – Duro attacco del futuro candidato a sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei nei confronti del consigliere di maggioranza Emanuele Minghella, tacciato di essere sempre sulle cronache dei giornali per le sue innumerevoli iniziative. «Mighella è stato avvistato in tutte le manifestazioni politiche, spaziando dal Pd a Noi con Salvini – dice in una nota Tidei – dove probabilmente cerca una collocazione. Dovrebbe, invece, avere il buon senso di tacere, come fanno molti altri suoi colleghi. Si cela dietro il social network e lancia attacchi e prediche verso le stesse persone con le quali percorre il red carpet. Compare in tutte le foto come quei soggetti pittoreschi sempre presenti dietro le telecamere durante i servizi dei più noti Tg. Si inaugura la stagione al castello con il presidente Zingaretti e nelle note stampa c’è l’immancabile Minghella. Lo stesso che, nella nota stampa di qualche giorno fa, ha attaccato lo stesso presidente. Sono andato come cittadino nella sede di via Rucellai, il palazzo delle istituzioni, dove ho trovato buchi nei muri, giardino che sembra la savana, il bagno privo di sapone e carta igienica, dipendenti comunali quasi costretti a stampare sui volantini promozionali perché non possono acquistare cartucce per la stampante, carta e materiale di cancelleria». «Vogliamo parlare del sito internet? – continua Tidei – per trovarlo ci vuole un cane da tartufi o un corso direttamente organizzato da Bill Gates. Caro consigliere Minghella, ci spieghi la storia del sito, lei che è così puntuale e dettagliato. Provi a scavare oltre i dieci anni di amministrazione e sicuramente sarà in grado di dare la colpa anche a qualche defunto sindaco. Ci vuole coraggio dopo due mandati e dieci anni di amministrazione, dopo aver portato il Comune sull’orlo del fallimento, a ricercare negli annali colpe che non stanno né in cielo né in terra. Ci vuole coraggio ad arrivare sino alla fine, nascondendo sotto il letto tutti i debiti e tutte le fatture che da anni non si pagano. Sarebbe più dignitoso dimettersi e sparire da un sistema che fa acqua da tutte le parti».

ULTIME NEWS