Pubblicato il

Dehors, il regolamento è pronto per il consiglio

Dehors, il regolamento è pronto per il consiglio

Ceccarelli: "Finalmente la vicenda si avvia ad una conclusione e penso sia stata trovata una soluzione condivisa". L’assessore ai lavori pubblici commenta con soddisfazione il traguardo raggiunto, così come Confcommercio e Cna, e rassicura i commercianti in possesso di autorizzazione regolare: l’amministrazione non chiederà di adeguarsi prima del 31 dicembre 2019

di FRANCESCO BALDINI

CIVITAVECCHIA – “Iniziato l’iter per l’approvazione in consiglio comunale del regolamento delle “attrezzature esterne”- ex dehors”. Lo comunica l’assessore ai lavori pubblici Alessandro Ceccarelli sulla sua pagina social. Finalmente una buona notizia per i commercianti civitavecchiesi, accolta con soddisfazione anche dalle associazioni di categoria.

“Da quando viene preso in carico – ha spiegato Ceccarelli – c’è il tempo necessario per il parere della segreteria generale, circa quindici giorni, e poi andrà nel primo consiglio utile”. La speranza del pentastellato è che per metà agosto si possa avere il regolamento definitivo. Intanto la bozza è stata consegnata a Cna e Confcommercio.

“I commercianti  – ha continuato l’assessore – possono rivolgersi alle associazioni o ai professionisti per iniziare a dare un’occhiata al tutto e magari chiedere un preventivo. Finalmente la vicenda si avvia ad una conclusione, ho cercato di gestirla in termini di consenso e penso che sia stata trovata una soluzione condivisa. Si è cercato un punto di equilibrio con le varie osservazioni mosse e credo sia un buon regolamento”.

I commercianti in possesso di una regolare autorizzazione avranno tempo fino al 31 dicembre 2019 prima che l’amministrazione chieda di adeguarsi al regolamento. «Faccio un esempio – ha continuato Ceccarelli – se si ha un ombrellone rosso autorizzato e nel regolamento si chiede che sia bianco, si avrà tempo fino al 31 dicembre 2019 prima che, come amministrazione, chiediamo di cambiarlo. Voglio che sia chiaro – ha concluso l’assessore – che se agiremo in maniera decisa su chi non è in regola è per proteggere i cittadini onesti, il furbo deve sparire in Italia”.

Il presidente Cna Civitavecchia Alessio Gismondi ha commentato: “Ci fa piacere che si sia arrivati, anche se sempre troppo tardi. D’altronde i tempi sono questi e la burocrazia in Italia è il primo cancro per le imprese. Speriamo – ha aggiunto – che si vada ad una soluzione rapidamente perché è tanto che aspettiamo e questo tempo grava sulle imprese. Siamo soddisfatti dal regolamento perché ci siamo arrivati con una serie di confronti. Anche se ci sarà qualche scontentezza – ha evidenziato – andremo avanti comunque pur di portare a casa il risultato”.

Soddisfazione anche da parte del commissario Confcommercio Civitavecchia Tullio Nunzi. “Se il testo è quello che ci è stato inviato – ha detto – è abbastanza condiviso. All’incontro con l’amministrazione abbiamo mandato gli operatori e i nostri tecnici che hanno fatto varie richieste a cui l’assessore ha risposto sì. Nel documento che ci è stato inviato  circa il 90% delle indicazioni sono state recepite”. Confcommercio resta in attesa della bozza definitiva. “Vorremmo – ha continuato Nunzi – fare un incontro con i commercianti per spiegare le nuove regole e offrire supporto tecnico e legislativo. Abbiamo un architetto urbanista e daremo supporto legale. Spero – ha concluso – che in tempi abbastanza brevi si concluda il tutto”.

“Finalmente” è la parola che meglio può definire quello che potrebbe essere l’epilogo di una vicenda che va avanti da troppo tempo, circa tre anni, e che ha penalizzato e lasciato nell’incertezza molti commercianti cittadini. L’apertura dell’assessore Ceccarelli al dialogo con le associazioni di categoria e con i professionisti ha consentito di velocizzare notevolmente i tempi.         

ULTIME NEWS