Pubblicato il

''Il fosso è inquinato''

''Il fosso è inquinato''

PONTON DEL CASTRATO. Gli abitanti del quartiere Alibrandi chiedono a viva voce un serio intervento «Troppo spesso sversamento di liquami»

di GIAMPIERO BALDI

 

SANTA MARINELLA – Gli abitanti del quartiere Alibrandi chiedono a viva voce un serio intervento sul fosso Ponton del Castrato, che resta un problema serio in merito all’inquinamento delle falde acquifere.

«Nei giorni scorsi – spiega il signor Edoardo Verdecchia – notavo che si stava facendo un intervento da parte di Acea Ato 2 sul fosso in oggetto in quanto, da qualche giorno si sentiva un forte odore di liquami dovuti ad uno sversamento della rete fognaria direttamente nell’alveo del fosso all’altezza del ponte di via Delle Colonie e via Dannunzio e di conseguenza in mare, il cui sbocco è nei pressi del Cavalluccio Marino. Mi sono quindi avvicinato al tecnico, informandolo che quello che era accaduto, avveniva periodicamente ogni tre mesi e che vi era bisogno di attivare il servizio espurgo. Verso le 18,20 notavo la presenza del delegato della Capitaneria di Porto di Santa Marinella, il quale richiedeva l’intervento dell’Arpa per i prelievi e le analisi. L’Arpa, intervenuta insieme alla Capitaneria e ad una ditta di espurgo, ha lavorato fino alle 23 per risolvere il problema. Faccio notare che la rete fognaria è alloggiata interamente nell’alveo di un fosso che è ad alto rischio idrogeologico e da quanto ho potuto capire, quando si ostruisce, i liquami vanno a confluire in un canale scolmatore che li riversa a cielo aperto nel fosso stesso. Più di una volta è stato richiesto un monitoraggio periodico alle autorità cittadine compresa la Polizia municipale con tanto di segnalazione protocollata. Spero che in futuro si possa risolvere questo annoso problema con interventi risolutivi».

ULTIME NEWS