Pubblicato il

Hospice, firmato il contratto di comodato d’uso gratuito tra Città metropolitana e Asl

Hospice, firmato il contratto di comodato d’uso gratuito tra Città metropolitana e Asl

De Paolis e Quintavalle: “Un gran passo avanti. Ora occorre non abbassare la guardia, specialmente per quel che riguarda le questioni ancora da affinare”

CIVITAVECCHIA – “È stato firmato oggi il contratto di comodato d’uso gratuito tra la Città metropolitana di Roma e la Asl per l’immobile dell’Hospice ed è un gran passo avanti”.

Lo dichiarano in una nota congiunta il consigliere regionale di Insieme per il Lazio, Gino De Paolis, ed il direttore generale Asl Roma 4, Giuseppe Quintavalle.

“È una grande soddisfazione essere arrivati alla firma finale di questo lungo percorso che ci permetterà finalmente di aprire l’Hospice – spiegano De Paolis e Quintavalle – cioè un centro di cure palliative che garantirà ai malati terminali di questo vasto territorio, che comprende Civitavecchia, Allumiere, Tolfa, Santa Marinella e tutta la nostra Asl, un’assistenza 24 ore su 24 in un ambiente familiare e accogliente, affiancando all’attività primaria di cura l’assistenza dei degenti e delle loro famiglie”.

Un passo importante per un progetto “su cui abbiamo scommesso anni e anni fa – dichiarano il consigliere regionale ed il direttore generale – da un’intuizione dell’associazione Adamo, raccolta immediatamente con favore dall’allora consigliere regionale Enrico Luciani, segnando una strada che ha coinvolto tutte le Istituzioni locali e l’intera popolazione”.

De Paolis e Quintavalle proseguono parlando di un vero e proprio sogno che inizia a prendere forma, diventando realtà nonostante tutte le difficoltà incontrate sul percorso.

“Un Hospice – proseguono –  interamente realizzato con risorse pubbliche, su terreno pubblico e gestito dal pubblico per alleviare le sofferenze delle persone affette da patologia oncologica e delle loro famiglie. Saranno infatti attivati 10 posti letto residenziali e 40 a domicilio gestiti direttamente dalla Asl e quindi dal Servizio sanitario nazionale”.

“Il nostro ringraziamento – dichiarano De Paolis e Quintavalle – va in primo luogo al presidente della Regione Nicola Zingaretti che ha reso possibile tutto questo. Ma un riconoscimento sentito va a tutti gli attori che hanno dato il loro prezioso contributo affinché si riuscisse in questa impresa, nonché ai cittadini del comprensorio e agli organi di stampa. Le figure coinvolte, a partire dal presidente della Cariciv, Vincenzo Cacciaglia, che presiede il Tavolo di lavoro con grande passione, capacità e autorevolezza, non si sono mai risparmiate. Grazie quindi al vescovo, monsignor Marrucci, al dottor Roberto Del Signore, per la Città metropolitana, al sindaco di Civitavecchia, Antonio Cozzolino, al sindaco di Tolfa, Luigi Landi e al sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, e ai sindaci del comprensorio tutti. Ma questo non è ancora il tempo dei ringraziamenti ufficiali – concludono De Paolis e Quintavalle – ora occorre non abbassare la guardia, specialmente per quel che riguarda le questioni ancora da affinare: pensiamo agli arredi, alla gestione, all’organizzazione e all’impegno economico che serve al funzionamento. Siamo in cammino, vicinissimi alla metà, per una importante vittoria che è e sarà di tutti, ma non è ancora finita”.

ULTIME NEWS